Il PS boccia le misure di Vitta. "Provvedimenti di cosmesi: servono prima di tutto ispettori del lavoro e salari minimi. E anche il primo pacchetto..."
I socialisti ritengono che servano qualcosa di "efficace volto a migliorare la sorveglianza e lottare attivamente contro dumping salariale, abusi, concorrenza sleale e sacche di illegalità. Le prime otto misure hanno portato a 13 posti segnalati e 4 collocamenti, pochissimo!"
Politica
BELLINZONA - Le otto misure di Christian Vitta non piacciono al PS, che come noto punta molto sull'introduzione del salario minimo e sull'assunzione di ispettori, come era tra l'altro contenuto nel controprogetto di "Basta col dumping salariale in Ticino".

È un comunicato stampa deluso quello che riceviamo in redazione. "La situazione e il mercato del lavoro in Ticino richiedono l’introduzione di provvedimenti efficaci volti a migliorare la sorveglianza e lottare attivamente contro il dumping salariale e gli abusi, la concorrenza sleale e le sacche d’illegalità che deteriorano gravemente il tessuto lavorativo ed economico del Cantone", si legge. "Il Partito Socialista ritiene perciò che il pacchetto di 8 misure per il lavoro presentato ieri dal Consigliere di Stato Christian Vitta e dalla Divisione dell’economia del DFE sia ampiamente insufficiente. Per migliorare la situazione del lavoro e contrastare i problemi occorrono delle misure incisive e concrete, non dei provvedimenti di cosmesi come quelli presentati".

Per esempio, appunto, "tra le 8 misure spicca l’assenza del potenziamento della sorveglianza e del controllo del mercato del lavoro. Non c’è traccia dell’assunzione di nuovi ispettori del lavoro, adottando le risorse massime stabilite dal controprogetto contro il dumping salariale. Un potenziale di 18 ispettori, 5 unità amministrative e 1 coordinatore che il Partito Socialista aveva richiesto di adottare da subito, soprattutto alla luce dello scandalo permessi, e le ramificazioni del malaffare col mondo del lavoro, emerso lo scorso mese di febbraio. Oggi questa necessità è stata ridotta a un generico obiettivo da perseguire. Una decisione in aperto contrasto con quanto annunciato da Christian Vitta lo scorso 7 marzo dalle pagine del ‘Corriere del Ticino’: l’assunzione di 20 nuove unità per potenziare i controlli".

Inoltre, "manca anche un provvedimento riguardo ai salari, il nocciolo della questione del lavoro in Ticino. L’introduzione di un minimo salariale realmente dignitoso resta ancora materia generica per il DFE, benché sia una misura di politica sociale essenziale per la tutela del lavoro e dei salari accolta più di due anni va dai Ticinesi con l’iniziativa “Salviamo il lavoro in Ticino!”".

"Per quanto riguardo la disoccupazione, più di misure relative alla comunicazione e alla sperimentazione digitale, è necessario applicare l’articolo 10 della L-Rilocc nella sua totalità senza che questa misura sia oggetto di risparmi".

Ma il PS non è contento neppure di quanto fatto in passato. "Criticabile è anche la portata reale del primo pacchetto, introdotto nel settembre 2015. Le migliorie prospettate nell’ambito del collocamento, ad esempio, hanno coinvolto 1'400 aziende, portando a soli 13 posti segnalati per un risultato di 4 collocamenti: una percentuale per azienda che non giunge nemmeno allo 0.3%!".

Per cui, in conclusione, "in assenza di misure concrete e incisive che possano generare dei risultati reali – cui vanno sommate la regolamentazione delle agenzie interinali, la creazione di un fondo per il lavoro e l’istituzione di un Ente cantonale per lavori di pubblica utilità – dei provvedimenti quali la sperimentazione di un simulatore per i colloqui di lavoro o degli spot promozionali risultano puramente cosmetici, inadeguati per affrontare e risolvere i problemi attuali del mercato del lavoro ticinese". 

Pubblicato il 12.10.2017 18:05

Guarda anche

Politica
Marco Passalia propone di "usare i dati in anonimo per poter valutare meglio i progetti infrastrutturali: permetterebbero di visionare i diversi tipi di traffico, i mezzi usati e di analizzare dunque gli spostamenti dei cittadini". A Montreaux, per esempio...
Politica
Il presidente democentrista sottolinea come il tema sia delicato e complesso, meritevole di approfondimento. "Se avessero ascoltato le critiche, forse non si sarebbe neppure arrivati al voto. Se venisse tolto il canone, ne farebbero le spese anche le emittenti private come TeleTicino"
Politica
Il vicepresidente dell'UDC non è sorpreso dall'intervista del suo Consigliere Nazionale: "non è un'iniziativa democentrista. Non vedo perché SSR e RSI non potrebbero continuare come emittenti private, i finanziamenti si possono trovar. Ma prima deve esprimersi il popolo"
Politica
Il Consigliere Nazionale democentrista si oppone all'iniziativa per togliere il canone. "Chi vota sì è estremamente deluso dalla lottizzazione partitica all'interno della RSI e dalla linea troppo sbilanciata a sinistra. Ma le critiche bastano per farla chiudere?"