ProTell decisa a contrastare ciò che vuole il Consiglio Federale sulle armi. E Cassis vi aderisce
Il nuovo Consigliere Federale, che entrerà in carica il 1o novembre, è entrato nell'associazione nove giorni prima della sua elezione. Non è proibito e non esiste l'obbligo di rendere pubblica l'appartenenza, ma ProTell è contraria alla normativa UE che dobbiamo applicare come membro Schengen
Svizzera
BERNA – ProTell desidera la liberalizzazione delle armi, andando contro la nuova direttiva dell’UE sulle armi che verrebbe attuata in virtù dell’accordo di Schengen.

L’associazione è pronta a combattere in ogni modo la soluzione definita pragmatica presentata, sulla scia della direttiva UE, dal Consiglio Federale, un’unione fra appunto quanto raccomandato in essa e la tradizione nazionale.

Dov’è il problema? Riguarda, se di problema si può parlare, Ignazio Cassis, che fra un paio di settimane entrerà in carica come Consigliere Federale. Egli ha infatti aderito a ProTell nove giorni prima dell’elezione, e sarà lui, come Ministro degli Esteri, ad avere a che fare tra gli altri con l’UE.

Nulla di vietato, per carità: l'iscrizione a gruppi di lobby come Pro Tell, Auns, Nebs o WWF non è proibita e non esiste anche alcun obbligo di renderla pubblica.

Ma come membro Schengen il nostro Paese deve applicare la normativa, e la posizione di Cassis, che è dichiaratamente per lo status quo, spiegando che per adattarsi alle norme UE bisogna trovare la via giusta.


Pubblicato il 14.10.2017 18:00

Guarda anche

Svizzera
La consulenza è garantita, attualmente, sia per la religione cristiana che per quella evangelica, e sono le Chiese stesse a coprire i costi. Per quanto concerne quella musulmana, porterebbe a una visione più aperta e umanistica dell'Islam, ma andrebbero organizzati dei corsi
Svizzera
La resa della vendemmia del 2017 è di 79 milioni di litri, meno del consumo medio svizzero che è di 100 milioni di litri (ed era già successo nel 2013, 2014 e 2015). Il caldo ha fatto anticipare la vendemmia, creando acini più piccoli e meno succosi ma con un elevato tenore di zucchero. Poca ma buona...
Svizzera
Il Governo ticinese è stato ospite di quello grigionese. La prima parte della visita ha toccato il programma di agglomerato di quarta generazione del Bellinzonese, la situazione delle società bucalettere in Mesolcina, la mobilità e il San Gottardo. Poi visita a un'industria innovativa
Svizzera
Il presidente spiega che con i minori di 18 anni non vi sono stati problemi, mentre sono state espulse diverse persone fra i 20 e i 30 anni. "La maggior parte desidera divertirsi e stare in compagnia. In Grigioni, a 16 anni si può bere, per cui impossibile proibire l'entrata. La pausa magari ha fatto riflettere"