Un tesoro... nelle fogne!
Ogni anno, nel nostro paese 43 chili d'oro vengono ritrovati nelle fogne, per un valore di circa due milioni di dollari, oltre a 1,8 milioni di dollari in argento. Concentrazioni più alte nelle città e in una zona a sud dove vi sono parecchie raffinerie d'oro
Svizzera
BERNA – La CCN parla della Svizzera. Non per questioni legate alle sue particolarità politiche, uniche al mondo, bensì per… l’oro. A quanto pare, infatti, il nostro paese sarebbe ricco di metallo prezioso, ma dove nessuno lo immaginerebbe mai.

L’Istituto Federale Svizzero per le Scienze acquatiche e la tecnologia ha infatti commissionato uno studio da cui è emerso che nelle fogno svizzere ogni anno 43 chili d’oro finiscono nelle tubazioni.
Il valore? Alle quote attuali, circa 2 milioni di dollari!

Come mai? La ricerca non lo spiega, ma è significativo il fatto che la concentrazione maggiore è stata rilevata nelle città e in particolare nella zona di Eawag, al sud del paese, dove vi sono parecchie raffinerie proprio di oro.

Non manca neppure l’argento, per un valore di circa 1,8 milioni di dollari, e ci sono anche terre rare, usate nella fabbricazione di apparecchi elettronici: ma non sono di certo queste a interessare!


Pubblicato il 14.10.2017 19:16

Guarda anche

Svizzera
Tutti i cantoni hanno deciso di bocciare l'iniziativa popolare che chiedeva di precludere alle banche commerciali la possibilità di emettere moneta scritturale elettronica, con il 75,5% dei votanti che ha detto no. Per contro, il 72,9% e tutti i cantoni dicono sì alla legge sui giochi in denaro
Svizzera
Il Canton Vallese ha deciso di non dare il via libera al credito di 100 milioni per organizzare la manifestazione che avrebbe avuto una ricaduta turistica importante su tutta la Nazione. I rischi al 53,9% dei cittadini sono apparsi troppo elevati
Svizzera
Un'iniziativa popolare chiede un congedo ai neo padri di almeno quattro settimane. Il costo sarebbe di 420 milioni annui, e da Berna consigliano alle Camere Federali di respingere il messaggio. "È più utile pensare al dopo, e un congedo di questo tipo competerebbe costi supplementari all'economia e problemi organizzativi alle aziende"
Svizzera
Un italiano che faceva parte del gruppo guidato dal comasco residente in Valle di Muggio fa notare che non aveva il localizzatore GPS, il telefono satellitare non funzionava e alla capanna non c'era nessuna riservazione. Un'altra domanda è quella sul numero di alpinisti che facevano parte della spedizione