Un tesoro... nelle fogne!
Ogni anno, nel nostro paese 43 chili d'oro vengono ritrovati nelle fogne, per un valore di circa due milioni di dollari, oltre a 1,8 milioni di dollari in argento. Concentrazioni più alte nelle città e in una zona a sud dove vi sono parecchie raffinerie d'oro
Svizzera
BERNA – La CCN parla della Svizzera. Non per questioni legate alle sue particolarità politiche, uniche al mondo, bensì per… l’oro. A quanto pare, infatti, il nostro paese sarebbe ricco di metallo prezioso, ma dove nessuno lo immaginerebbe mai.

L’Istituto Federale Svizzero per le Scienze acquatiche e la tecnologia ha infatti commissionato uno studio da cui è emerso che nelle fogno svizzere ogni anno 43 chili d’oro finiscono nelle tubazioni.
Il valore? Alle quote attuali, circa 2 milioni di dollari!

Come mai? La ricerca non lo spiega, ma è significativo il fatto che la concentrazione maggiore è stata rilevata nelle città e in particolare nella zona di Eawag, al sud del paese, dove vi sono parecchie raffinerie proprio di oro.

Non manca neppure l’argento, per un valore di circa 1,8 milioni di dollari, e ci sono anche terre rare, usate nella fabbricazione di apparecchi elettronici: ma non sono di certo queste a interessare!


Pubblicato il 14.10.2017 19:16

Guarda anche

Svizzera
Singolare iniziativa di una novantina di abitanti di un paese vallesano, che si sta spopolando: sono disposti a pagare 25mila franchi per ogni adulto che si trasferisce e 10mila per ogni bambino, però le condizioni sono ben precise. Il Consiglio comunale voterà a fine mese
Svizzera
Ignazio Cassis sta svolgendo il primo viaggio all'estero da Ministro, a Roma dove ha incontrato Alfano. Nessun passo avanti per quanto concerne l'accordo fiscale, "deciderà l'Italia se vorrà firmare prima di andare alle urne". Si è parlato anche di immigrazione
Svizzera
Scoppiettante serata con Sergio Ermotti, che ha toccato diversi temi, sia leggeri che più complessi. "Ci sarà un momento in cui i giovani non vorranno più pagare per i più anziani: il sistema va ripensato. Inoltre c'è contrarietà all'immigrazione. Non vogliamo meno regole, ma neppure di più"
Svizzera
Ieri l'arresto di dieci persone, fra cui uno svizzero e la sua compagna colombiana ma residente in Svizzera, ha fatto grande effetto sull'opinione pubblica. Anne Giudicelli, "in passato già identificate filiere nelle zone, possibile vi sia un'alta concentrazione di profili radicalizzati"