Quando la vita è ingiusta: il centauro morto era papà da cinque giorni
La vita della famiglia è cambiata due volte in una settimana: prima, l'evento più felice per una coppia, la nascita di un bimbo. E cinque giorni dopo, un automobilista ubriaco l'ha mutata di nuovo, nella maniera più inimmaginabile e tragica possibile
Luganese
SIGIRINO - Una vita spezzata è sempre una tragedia inimmaginabile, a qualunque età accade e in qualsiasi modo. Ci sono poi drammi che colpiscono e fanno dire che spesso no, il mondo non è proprio giusto.

La morte del centuaro 36enne ieri a Sigirino, investito dalla vettura di un coetaneo con tasso alcoolemico più alto del consentito, dopo aver causato già il panico per delle manovre azzardate. Infatti, come ha reso noto la Polizia, essa era già stata avvisata e stava preparando le vetture per inseguirlo e fermalo.

Troppo tardi, purtroppo. Sul luogo dell'incidente, pare non vi sia neppure il segno di una frenata: non si è fermato mentre travolgeva il coetaneo.

36 anni, italiano domiciliato nel Luganese, stava tornando a casa probabilmente dal lavoro, dove lo attendeva la felicità: il particolare più triste di tutta la vicenda è infatti quello che l'uomo era diventato papà da appena cinque giorni.

La moglie, col piccolo, lo aspettava a casa, per un weekend da neogenitori, fra poppate, dormite, visite e gioia. Non ci sarà nulla di tutto ciò. La vita di questa famiglia è cambiata, all'improvviso, e per la seconda volta in una settimana. Se cinque giorni fa i due avevano vissuto l'evento più felice della loro vita, ieri sera alle 17 la tragedia, inimmaginabile, li ha colpiti. Un bambino dovrà crescere senza un padre, addirittura non potrà serbarne alcun ricordo, e la mamma si ritrova sola con il suo pargoletto, a dover fronteggiare il dolore e contemporaneamente a riuscire a dargli tutto l'amore possibile per colmare un'assenza che nessuno cambierà mai.

A volte, davanti alla vita, si rimane senza parola. Non è giusto, no, non lo è. 


Pubblicato il 11.11.2017 13:56

Guarda anche

Luganese
L'impianto di ventilazione si è surriscaldato in modo anomalo, e le decine di persone che erano all'interno sono state evacuate. Quattro sono state visitate sul posto dai sanitari ma per nessuno è stato necessario il ricovero in ospedale. Il centro commerciale è al momento chiuso
Luganese
L'uomo è stato arrestato il 16 novembre dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Como, dopo un mandato d'arresto internazionale, presto sarà estradato. Gli altri in manette sono un 22enne svizzero, un 23enne boliviano e un 25enne cubano
Luganese
Una trentina di dipendenti sono stati evacuati dal garage a Bioggio, cinque di loro sono leggermente intossicati dal fumo. Il tutto è avvenuto poco prima delle 13.30, per cause che l'inchiesta dovrà stabilire. I danni sono ingenti
Luganese
L'allevatore aveva notato uova con guscio grigiastro o addirittura senza e venerdì 17 (per gli scaramantici...) aveva avvisato il veterinario cantonale. Economicamente avrà dei risarcimenti, però ripartire non sarà facile. "Rispettava ogni norma di sicurezza e di igiene"