Che spavento a Bellinzona! Crolla il tendone del circo Knie, in dubbio il resto del tour ticinese
Gli operai stavano smontando il tendone dopo l'ultimo spettacolo nella Capitale, pronti a spostarsi a Locarno, ma il forte vento ha fatto cadere dei pali di sostegno e poi l'intera tenda. Uno di loro sarebbe leggermente ferito, i danni alle attrezzature audio e alle tribune ingenti
Bellinzonese
BELLINZONA - Grande spavento per gli operai che stavano smontando il tendone del circo Knie a Bellinzona, oltre a dubbi sul possibile proseguo del tour ticinese del celebre spettacolo circense.

L'ultimo spettacolo si era tenuto alle 17, e la tenda andava smontata per poi recarsi a Locarno, prossima tappa. Sotto il tendone si trovavano ancora l'atrezzattura audio e le tribune, ma fortunatamente nessuno spettatore.

Il forte vento ha fatto cadere parte dei pali di sostegno, e dunque anche la tenda è caduta.

Ci sarebbe un ferito leggero, uno degli operai, e i danni sarebbero ingenti: è da valutare se il tour, appunto, potrà continuare regolarmente. 


Pubblicato il 12.11.2017 21:17

Guarda anche

Bellinzonese
TicinoLibero aveva ragione: i due giovani picchiati a Bellinzona da una quindicina probabilmente di eritrei ha sporto denuncia. In giornata c'era stato mistero sulla vicenda perché la Polizia aveva detto di non aver ricevuto alcuna denuncia. Alcuni aggressori potrebbero essere minorenni
Bellinzonese
Mistero attorno alla vicenda della coppia aggredita dal gruppo di eritrei: la Polizia è intervenuta per identificare alcuni asilanti presenti sul posto, però i due ragazzi non hanno sporto denuncia. La 21enne ci aveva detto che attendeva di essere chiamata "per verbalizzare tutto e andare avanti"
Bellinzonese
La giovane coinvolta nella rissa di Bellinzona rivive quanto successo. "Il mio fidanzato ha un trauma cranico, io anche e in più ho il naso rotto, con danni estetici. Un signore ha chiamato la Polizia, a quel punto sono arrivati tutti. Ho provato a difenderlo ma mi hanno colpito e ho perso il senso dell'orientamento"
Bellinzonese
I protagonisti, un 19enne e la sua ragazza 22enne, stavano passeggiando per Bellinzona quando sono stati apostrofati. Il ragazzo ha reagito a parole e da lì è iniziato il pestaggio, in cui si è messa in mezzo anche la ragazza. La Polizia ha identificato otto persone, tutte eritree