Minorenni si divertono a puntare un laser contro un elicottero della Rega
Il gruppo di otto ragazzini si trovava a Giubiasco e il fatto è avvenuto attorno alle 22.45 di venerdì scorso. Il puntatore laser è stato trovato in possesso di uno di loro, per il momento si ritiene che coinvolti nei fatti siano un 15enne e un 14enne domiciliati nel Bellinzonese
Bellinzonese
GIUBIASCO - La Magistratura dei minorenni e la Polizia cantonale comunicano che venerdì sera 17.11.2017 verso le ore 22.45 a Giubiasco, un gruppo di ragazzi ha usato un puntatore laser mirando un elicottero della Rega che stava passando.

La pronta segnalazione del pilota ha permesso ad una pattuglia della Polizia comunale di Bellinzona di controllare un gruppo di 8 ragazzi. In possesso ad uno dei minori è stato ritrovato il puntatore laser usato per disturbare il volo dell'elicottero.

Dagli accertamenti sino ad ora effettuati si ritiene possano essere coinvolti nei fatti due persone, un 15enne ed un 14enne domiciliati nel distretto, facenti parte del gruppo. Le ipotesi di reato sono: perturbamento della circolazione pubblica, violazione della legge sulla navigazione aerea e infrazione alla Legge federale sulle armi. Il puntatore laser usato è stato sequestrato.

L'inchiesta è coordinata dalla Magistratura dei minorenni.

Pubblicato il 21.11.2017 15:20

Guarda anche

Bellinzonese
La Polizia ha reso noto come al solito dove saranno posizionati i controlli mobili della velocità per la settimana che va 18 alla vigilia di Natale
Bellinzonese
Il 17enne era stato visto l'ultima volta a Bellinzona il 13, poi si erano perse le sue tracce. Sta bene
Bellinzonese
Dylan Barudoni, residente a Giusbiasco, è stato visto l'ultima volta il 13 dicembre a Bellinzona attorno alle 9.30, poi di lui non si hanno più avuto notizie. Chi lo vedesse è pregato di contattare la Polizia
Bellinzonese
In un commento poi rimosso dai volontari sul post di chi si sta occupando di trovare casa al border collie interviene colui che ha compiuto l'orribile gesto: "Ho sbagliato a dire che potevo occuparmi di lui sino al giorno dopo. Ciò che ho fatto non era voluto"