NoBillag vista da... Torino. "In Italia è la tv a determinare i leader politici. Volete essere in balia di chi deterrà il controllo dell'informazione?"
Un'analisi "da fuori" del tema: "Berlusconi si vide affidare dalla Loggia Massonica il controllo delle tv, e così ebbe quello del Parlamento. Votate no, e interrogatevi su quali interessi tramano per far sì che la Svizzera non abbia più un servizio fi informazione nazionale"
Politica
TORINO - NoBillag sta catalizzando gli interessi di parte della politica ticinese e sicuramente del mondo radiotelevisivo, dato che in gioco c'è in ogni caso molto. Qualcuno si è accorto della tematica anche in Italia, e un utente di Facebook di Torino ha voluto commentare, partendo dall'esperienza italiana.

Riportiamo integralmente il suo testo, una visione "da fuori":

"Dal mio punto di vista (italiano) è incredibile che un paese civile e socialmente evoluto come la Svizzera debba affrontare un referendum come questo sulla Billag.

Vorrei ricordare che in Italia la P2 (Propaganda 2, una loggia massonica, ndr), nell'ambito del suo progetto eversivo di istituire in Italia una dittatura presidenziale (tutti i poteri nelle mani di un uomo solo), affidò a Berlusconi il compito di prendere il controllo delle televisioni. Il risultato fu che Berlusconi si trovò in mano uno strumento che lo rese più potente della stessa P2, col quale prese il controllo del parlamento che ancora detiene.

Il meccanismo in Italia è suppergiù che la televisione crea dal nulla indifferentemente starlet, opinionisti e/o leader politici (ad esempio Salvini) che impone alla guida dei partiti. Ovvero che in Italia è la televisione che dice se uno è leader della sinistra o della destra, a prescindere da quel che dice, quel che fa, e da quali leggi promulga.

La Svizzera dovrebbe non solo votare No all’iniziativa No-Billag ma anche interrogarsi su quali interessi tramano affinché non sia più dotata di un servizio di informazione pubblico nazionale.

Col vostro sistema referendario essere privi di informazione pubblica significherebbe essere in balìa degli interessi di chi detenga il controllo dell'informazione".

Pubblicato il 05.12.2017 15:45

Guarda anche

Politica
Dopo quelle a Dadò, il direttore de La Regione Matteo Caratti indirizza una serie di domande anche al Ministro del PPD, a capo del DSS, il dipartimento colpito dal caso Argo 1. "Perché avete dato tutti quei mandati diretti nel capo dell'asilo in violazione delle leggi?"
Politica
Il direttore del quotidiano torna a parlare del caso Argo, a dieci mesi dallo scoppio, per porre una serie di domande a vari attori, fra cui il presidente del PPD. "Come ha reagito il gruppo parlamentare del tuo partito alla lettera a tutti i fuochi? Perché hai pagato la vacanza in contanti?"
Politica
Parallelamente, con un'iniziativa di Chiesa e una di Pinoja, i democentristi chiedono che aumenti la cifra deducibile dall'imposta federale diretta (di fatto, raddoppiandola) e dalle imposte cantonali (con un aumento del 20%). Due iniziative concrete che raccolgono consensi
Politica
I giovani attaccano: "in quel partito non ci riconosceremmo. Il documento del Ministro e di altri esponenti è la strategia di chi ha paura di perdere". Il vicepresidente concorda: "togliamo gli sgravi e tolgono le misure sociali? Sarà referendum di nuovo"