"Se fossimo stati in Italia, l'avrebbe mostrato Barbara D'Urso! Vergogna!". Un'ambulanza fatica fra la neve, i bellinzonesi si arrabbiano di nuovo Video
Un video divenuto virale mostra il mezzo di soccorso in difficoltà sulla neve. "Non è una bella pubblicità per il nostro Cantone". "E andiamo in Abruzzo a insegnare come si fa... neppure in Calabria, dove nevica di rado, succede...". E sotto accusa finiscono ancora i Municipali GUARDA IL VIDEO
Bellinzonese
BELLINZONA - Non si placano le proteste per lo sgombero della neve a Bellinzona, che non ha soddisfatto nessuno. Nemmeno la risposta del Municipio, che ha ammesso che c'è stato qualche problema, è servita a calmare le acque.

Tanto più che oggi è divenuto virale un video che ritrate un'ambulanza in difficoltà tra le strade non ben pulite.

"Ambulanza porta un paziente a Chernobyl... no a Bellinzona", si legge sulla pagina Facebook Il Ticinese medio.

E i commenti si sprecano, fra chi chiede ai Municipali se vogliono ancora un aumento di stipendio (nella Capitale è in atto una querelle sul tema, si andrà alle urne), e chi parla di interventi volutamente minimali per risparmiare.

Qualcuno parla del suocere caduto a causa della neve, e viene invitata a mandare i costi all'Esecutivo per un risarcimento. "Andiamo in Abruzzo a insegnare come si fa...", ironizza un utente, ricordando la spedizione che aiutò le popolazioni colpite in Italia. 

"Non è una bella pubblicità per il nostro Cantone", aggiunge qualcuno, e si passa ai paragoni: "nemmeno in Calabria, anche se nevica veramente di rado, succede così", "se eravamo in Italia l'avrebbe mostrato Barbara D'Urso". 

"È colpa dei frontalieri?", ironizza ancora qualcuno.

L'augurio che lanciano in molti è che il paziente a bordo sia arrivato in tempo e in buone condizioni all'ospedale: la cosa più importante!


Pubblicato il 13.12.2017 14:48

Guarda anche

Bellinzonese
Per la consulente in sessuologia, la prima regola è la prevenzione. "La famiglia deve trasmettere un'educazione sessuale e affettiva. A chi ha visto diffondere sue foto, direi che vale indipendentemente dall'opinione altrui e che gli errori si possono fare. Ma guai abbassare le difese, anche per amore"
Bellinzonese
Il caso risale al 2016, quando le immagini hard delle ragazze erano finite su Internet a loro insaputa. Identificati una decina di colpevoli, con vari gradi di responsabilità, tutti residenti in Ticino, ora accusati di pornografia
Bellinzonese
Affissa all'albo è arrivata una lettera del professore indagato. "Mi sono trovato davanti tre persone del DECS e mi hanno detto che mi volevano buttar fuori dalla scuola. Probabilmente la mia satira e il mio humor non sono apprezzati da tutti: quelle frasi vanno però contestualizzate"
Bellinzonese
Undici sindaci di ex Comuni, ora quartieri, di Bellinzona, prendono posizione: "restiamo convinti delle conclusioni di due anni fa: serve una parziale professionalizzazione, e il sindaco deve percepire 120mila franchi annui. Inoltre, così si avrà la possibilità di avere più candidati"