"Il calore dei tifosi ticinesi ha avuto un ruolo importante". Lugano, la Nazionale è ancora tua!
La Città luganese è stata scelta come base del ritiro pre Mondiale della Nati, dopo la positiva esperienza del 2016. Ancora una volta, la squadra di Petkovic soggiornerà all'Hotel Villa Sassa e si allenerà a Cornaredo, dove è in programma anche un'amichevole col Giappone dal sapore... turistico
Sport
LUGANO – Nello sport, vince anche la scaramanzia. La Svizzera aveva preparato a Lugano gli ultimi Europei, quelli del 2016 giocati in Francia, a Cornaredo, pernottando anche a Lugano. E adesso ha deciso di replicare: il ritiro pre Mondiali si svolgerà in Ticino!

Quartier generale, ancora una volta, l’Hotel Villa Sassa, mentre per quanto riguarda gli allenamenti, avverranno a Cornaredo, con a disposizione il campo principale e il B2. Il FC Lugano, che normalmente gioca a Cornaredo, curerà l’organizzazione e il servizio ristorazione di un’importante amichevole che verrà giocata sul terreno luganese, quella contro il Giappone.

La partita è in programma l’8 giugno. A parte l’utilità sportiva, dato che anche la nazionale asiatica è qualificata per il Mondiale (anzi, vi partecipa ininterrottamente dal 1998), viene ritenuta un importante modo di veicolare l’immagine della Città di Lugano verso il Sol Levante.

Lugano, ovviamente, gioisce: la Nazionale porta sport, porta gente, porta allegria. Porta, si può dire, una Città al centro del Paese, con gli occhi degli appassionati concentrati sull’avvicinamento dei ragazzi di Petkovic al torneo. E certamente aiuta il turismo, sia dei tifosi che vogliono stare vicini alla Nati sia di chi ha la possibilità di conoscere Lugano.

Immaginiamo che la volontà del tecnico ticinese abbia avuto il suo peso. Nessuno nell’entourage della Nazionale ha mai negato di essersi trovato benissimo a Lugano. Nel comunicato che rende noto il ritiro, a partire dal 27 maggio, si sottolinea come “l’entusiasmo col quale gli appassionati di calcio ticinesi hanno seguito le sedute di allenamento a porte aperte a Cornaredo hanno giocato un ruolo importante nella scelta di far ritorno a Lugano”. Un applauso, dunque, al calore dei fans ticinesi, che, ci si augura, possa portare ancora fortuna ai rossocrociati.


Pubblicato il 11.01.2018 15:48

Guarda anche

Sport
J.J. Aeschlimann replica ai tifosi e alla società dell'Ambrì che, senza mezzi termini i primi, velatamente la seconda, ritenevano che fans luganesi fossero coinvolti nei disordini avvenuti domenica. "La Polizia peraltro gli ha parlato". Anche il Losanna si distanzia da quanto successo
Sport
Il Lugano ha contribuito con 10mila franchi alla raccolta di Ghiringhelli. "Volevo dare un segnale, è l'unica via percorribile nel nostro Cantone, che calcisticamente è isolato dal resto della Svizzera, per divertirci come gli altri. Sono sempre dell'idea che la struttura deve essere a piramide"
Sport
L'azione di salvataggio si è conclusa con una quarantina di promesse di versamento, fra cui tre da ex giocatori (dopo Alini e Decarli, anche Rapp). "Sono certo che con qualche tempo in più troveremmo i soldi e che l'AVS sarebbe disposto ad aspettare, sapendo che i soldi in parte ci sono e in parte verranno raccolti"
Sport
Il club biancoblu ha sporto denuncia contro ignoti per quanto accaduto ieri alla Valascia, si costituisce parte civile e assicura collaborazione per identificare i facinorosi. Ma non risparmia critiche ai suoi ultrà, "chiaramente caduti nella trappola della provocazione"