Bufera nelle ARL: l'ex direttore indagato per amministrazione infedele, mancherebbero più di 150mila franchi
Era andato in pensione ad agosto, dopo essere stato protagonista di veementi attacchi nei confronti del DECS per il trasporto degli allievi delle medie di Pregassona. Il buco è saltato fuori nel corso dell'ultima assemblea, e avrebbe fatto svolgere dei lavori per sé dai dipendenti
Luganese
LUGANO - Notizia clamorosa all'interno delle Autolinee Regionali Luganesi, finite nel mirino della cronaca pochi mesi fa per la querelle col Cantone in merito ai trasporti degli allievi delle scuole medie di Pregassona. In particolare, a scrivere attacchi contro il DECS era stato il direttore, che poi era andato in pensione, e probabilmente, anche se non era stato detto chiaramente, questo aveva facilitato il dialogo fra le parti.

E adesso è finito sotto inchiesta, come riferisce la RSI.

Nel corso dell'ultima assemblea della SA che gestisce l'azienda, un rappresentante del Cantone, proprietario di circa il 40%, ha parlato di ammanchi. Sarebbero attorno ai 150mila franchi. I conti non sono 2017 non sono dunque stati votati, ed è partita la denuncia: l'uomo è accusato di amministrazione infedele.

Addirittura, parrebbe che abbia fatto svolgere ai dipendenti del lavoro per proprio conto.





Pubblicato il 11.01.2018 20:50

Guarda anche

Luganese
Blitz della polizia in tre cantieri edili ad Agno, Collina d'Oro e Lugano. La posizione degli operai verrà chiarita nei prossimi giorni dall'Ufficio dell'Ispettorato del lavoro
Luganese
Il direttore del CDALED Laurent Kocher: "Capisco la loro reazione, ci siamo limitati ad avvertire solo il Cantone". In coro anche il presidente Francesco Gandolla: "Non possiamo fare miracoli, succede"
Luganese
Seo Arigoni: "In alcune discoteche i giovani hanno il tavolo con lo champagne. Lo spirito del Tra ti fa sentir bene indipendentemente da chi tu sei o dal vestito che porti, e questo ha fatto sì che in molti si affezionassero al luogo. Sabato sera verrà presentato un CD, è l'occasione per quattro chiacchiere"
Luganese
La moglie del gerente del locale ancora non si capacita del motivo dell'irruzione. "Ci hanno detto che era un controllo campione", spiega, mentre nel comunicato di Polizia si diceva altro… "Siamo alternativi? Dipende cosa si intende con questo termine. Vorremmo parlare coi delegati di quartiere"