Radar, il Luganese... invaso. Ecco dove prestare attenzione
La Polizia fa sapere dove si troveranno i dispositivi mobili per la settimana che va dal 15 al 21 gennaio. Molte le località nel distretto di Lugano dove si rischia se si va veloci
Bellinzonese
BELLINZONA - La Polizia cantonale e le polizie comunali comunicano che, in ottica di prevenzione della circolazione stradale, saranno effettuati controlli della velocità mobili nel corso della settimana 3 dal 15.01 al 21.01.2018 nelle seguenti località:

Distretto di Leventina
• Bodio • Giornico

Distretto di Riviera
• Biasca

Distretto di Bellinzona
• Castione • Bellinzona • Giubiasco • Sementina

Distretto di Locarno
• Locarno • Riazzino • Cugnasco • Losone

Distretto di Lugano
• Melano • Novaggio • Sessa • Astano • Bedano • Brusino Arsizio • Pianroncate • Cantonetto• Orino • Bioggio • Garaverio • Cernesio • Agno • Manno

Distretto di Mendrisio
• Balerna • Chiasso • Novazzano • Morbio Inferiore

Ricordando che la velocità elevata permane una delle maggiori cause di incidenti, con esiti pure gravi e/o letali, si rinnova l’invito ai conducenti a rispettare i limiti a tutela della propria incolumità e di quella degli altri utenti della strada.

Da questa lista sono esclusi i rilevamenti con le vetture civetta e i controlli con pistola laser, che devono essere utilizzati esclusivamente per contrastare infrazioni gravi alla Legge federale sulla circolazione stradale. Inoltre, la misura non si applica ai controlli mobili sulla rete autostradale come da parere negativo espresso dall’Ufficio federale delle strade (USTRA). Si evidenzia pure che viene comunque data alla sola Polizia cantonale la facoltà di svolgere, straordinariamente, dei controlli non annunciati allo scopo di reprimere infrazioni gravi e garantire la sicurezza degli utenti della strada. I controlli preannunciati possono non aver luogo a causa di esigenze di servizio o problemi tecnici. 

Pubblicato il 13.01.2018 09:00

Guarda anche

Bellinzonese
Per la consulente in sessuologia, la prima regola è la prevenzione. "La famiglia deve trasmettere un'educazione sessuale e affettiva. A chi ha visto diffondere sue foto, direi che vale indipendentemente dall'opinione altrui e che gli errori si possono fare. Ma guai abbassare le difese, anche per amore"
Bellinzonese
Il caso risale al 2016, quando le immagini hard delle ragazze erano finite su Internet a loro insaputa. Identificati una decina di colpevoli, con vari gradi di responsabilità, tutti residenti in Ticino, ora accusati di pornografia
Bellinzonese
Affissa all'albo è arrivata una lettera del professore indagato. "Mi sono trovato davanti tre persone del DECS e mi hanno detto che mi volevano buttar fuori dalla scuola. Probabilmente la mia satira e il mio humor non sono apprezzati da tutti: quelle frasi vanno però contestualizzate"
Bellinzonese
Undici sindaci di ex Comuni, ora quartieri, di Bellinzona, prendono posizione: "restiamo convinti delle conclusioni di due anni fa: serve una parziale professionalizzazione, e il sindaco deve percepire 120mila franchi annui. Inoltre, così si avrà la possibilità di avere più candidati"