Albertoni, "l'economia ticinese evolve positivamente, le imprese risultano soddisfatte dagli affari e gli investimenti sono stabili"
La Camera di Commercio ha reso noto qualche giorno fa i risultati della sua consueta inchiesta congiunturale, e ha notato dati interessanti e decisamente incoraggianti, toccando temi come i salari, l'autofinanziamento, i livelli occupazionali e la conciliabilità tra lavoro e vita privata
Oltre l'economia
di Luca Albertoni*

Abbiamo iniziato il 2018 con i migliori auspici. Già nella scorsa edizione della nostra newsletter abbiamo potuto presentare le attività Cc-Ti del 2018 . Ricordiamo che abbiamo potenziato la comunicazione promuovendola su più canali.

Questo significa che oltre ai nostri canali di comunicazione tradizionali (sito web, newsletter, Ticino Business, social media), è possibile ritrovare i nostri approfondimenti anche su alcuni media ticinesi. In questo senso vanno proprio, ad esempio, le pagine di approfondimento sui grandi temi dell’economia, che appariranno sul Corriere del Ticino; a partire dal 29 gennaio prossimo, a cadenza mensile, l’ultimo lunedì del mese, per 10 volte.

Conoscere, riflettere e condividere opinioni ed idee, è la nostra via per soluzioni concertate, con l’impegno comune di tutte le parti in gioco (attori sociali, politica, economia, collettività), per far prosperare, anche in futuro, il nostro territorio, e dunque per tutto il Cantone.

Sempre nell’ottica del dialogo, senza polemiche, ma costruendo nuove idee e proponendo iniziative. I macro temi strategici sui quali ci concentriamo rappresentano oggi, per le aziende e per tutta la società le sfide con cui confrontarsi nel momento attuale ed in futuro: internazionalizzazione delle imprese, sostenibilità, digitalizzazione e smart life.

Anche quest’anno dunque avremo eventi speciali con appuntamenti informativi e di analisi che vedranno la partecipazione di specialisti dei vari settori.

In quest’ottica il 22 gennaio, sono stati resi noti i risultati della nostra inchiesta congiunturale, edizione 2017-2018. Un appuntamento che è ormai una tradizione a conferma della costante attenzione della Cc-Ti verso l’andamento della nostra economia. L’indagine, che ha toccato gli aspetti più importanti per le imprese, dai salari all’autofinanziamento, dai livelli occupazionali alla conciliabilità tra lavoro e vita privata, ha registrato anche questo anno importanti novità che meritano più di una riflessione, di cui non mancheremo di informarvi.

Riassumendo, l’economia ticinese evolve positivamente, le imprese risultano soddisfatte dell’andamento degli affari e gli investimenti sono stabili. Potete scoprire quanto emerso continuando a leggere i risultati dell’inchiesta congiunturale, a cui abbiamo dedicato un ampio approfondimento.

*direttore Cc-Ticino


Pubblicato il 28.01.2018 14:30

Guarda anche

Oltre l'economia
Un collaboratore di Titraduce spiega a Valentina Rossi della Camera di Commercio ticinese come entrare in contatto con uomini (e qualche donna...) d'affari egiziani. "Consiglio di non toccare il tema religioso, perché ci sono varie credenze e diversi livelli. A pranzo, meglio chiacchiere rilassanti" GUARDA IL VIDEO
Oltre l'economia
Si apre il 101esimo anno di attività della Cc-Ti, che intende proseguire con eventi, incontri d'approfondimento, missioni economiche, offerte informative e formative e col contatto giornaliero con le aziende. "Precisione, affidabilità, innovazione e qualità, i valori tipi della cultura rossocrociata"
Oltre l'economia
Il digitale, la cui giornata nazionale si è svolta il 21 novembre, apre la tematica della protezione dei dati personali. La questione è basilare per le aziende: in gioco vi sono sicurezza, possibilità di operare senza limiti eccessivi, rapporti con chi compone l'azienda, clienti e fornitori
Oltre l'economia
Presso l'Aeroporto di Lugano si terrà la centesima assemblea della Camera di commercio dell'industria, dell'artigianato e dei servizi del Cantone Ticino. "Ci fu il malcelato tentativo di creare una struttura come braccio prolungato dello Stato, per fortuna prevalse il modello anglosassone"