"Come mai una frontaliera responsabile di struttura della casa anziani di Bellinzona? Non c'erano residenti?"
Alcuni consiglieri comunali di Lega, UDC e Indipendenti non hanno gradito la scelta del Municipio di Bellinzona, e lo interrogano. Vogliono sapere quanti residenti hanno partecipato al concorso, e come mai non sono stati ritenuti adeguati alla funzione. "Vorremmo si privilegiassero i 'nostri'"
Bellinzonese
BELLINZONA – Frontalieri in posti di responsabilità dove appare incredibile a chi scrive che non ci siano residenti in grado di svolgere gli stessi compiti. Questa volta, a finire sotto la lente d’ingrandimento è la responsabile della Casa anziani comunale di Bellinzona: la nuova organizzazione prevede un direttore unico e quattro responsabili di struttura.

Secondo i consiglieri comunali Lelia Guscio, Manuel Donati, Fabrizio Ferracini, Orlando Del Don e Marco Ottini, non va bene che sia stata scelta una donna residente in Italia. Sottolineano come venga assunta una bassa percentuale di personale indigeno. Si sa che quello delle cure infermieristiche è un settore dove i frontalieri prevalgono, perché è difficile trovare spesso residenti qualificati: nell’ultimo anno, il trend si è un po’ invertito, come aveva spiegato Paolo Beltraminelli, e la SUPSI aprirà un master proprio nel campo.

Comunque, a non andar giù ai rappresentanti di Lega-UDC-Indipendenti bellinzonesi è la promozione della responsabile. Si chiedono se nessun residente ha partecipato al concorso, e se sì come mai non sono stati scelti.

“Vorremmo che si desse, in linea di massima, la preferenza agli indigeni, cosa che nei primi mesi della Nuova Bellinzona non è successo”, aggiungono.


Pubblicato il 08.02.2018 12:25

Guarda anche

Bellinzonese
Si continua a indagare a 360° sulla mancata strage alla Commercio: sarebbe avvenuta oggi, secondo quanto si sa. Il titolare del negozio che ha venduto 150 cartucce al giovane gli ha chiesto cosa ci facesse con la Parabellum, lui ha risposto di averla ereditata dal nonno e di andare allo stand di tiro a sparare
Bellinzonese
Il 19enne avrebbe agito domani, durante gli esami mattutini delle classi terze. A un docente mercoledì ha scritto di essere stufo di essere considerato un allievo modello. Lui chiede di poter vedere i genitori, i quali affermavano che stesse bene, nonostante in diversi avessero notato un comportamento diverso
Bellinzonese
"Per l'eleganza e la posa col kalashnikov", ha detto lo psichiatra, riferendosi all'autore della strage di Oslo. Intanto, nell'abitazione sarebbe stata trovata una lettera che spiegava che cosa intendeva fare e martedì il 19enne sarebbe andato ad acquistare le munizioni
Bellinzonese
I compagni di classe del 19enne, i docenti e il personale amministrativo sono stati incontrati dal Consiglio Direttivo, ed è stato messo a disposizione un sostegno psicologico. Ma le autorità tranquillizzano. Il Ministro, "non voglio pensare a quello che sarebbe potuto succedere. La scuola funziona bene!"