Mariangela Gasperini is back. Dietro un servizio di cure a domicilio e assistenza ci sarebbe ancora lei. E da novembre non paga i dipendenti!
Sette su circa quindici operatori socio-sanitari si sono rivolti al sindacato VPOD per denunciare il mancato ricevimento dei salari. Sarebbero stati licenziati a fine 2016 da una ditta e riassunti subito da un'altra, la Victoria. La firma individuale dell'azienda a Délémont è della famosa infermiera, mentre a Melano...
Luganese
MELANO – Ancora lei! Mariangela Gasperini, l’infermiera a cui il Consiglio di Stato ha limitato l’autorizzazione al libero esercizio a funzioni non dirigenziali, meglio conosciuta per operare nel campo della dolce morte.

La donna, nonostante tutto, sembra essere tornata sul mercato ticinese degli operatori socio-sanitari, attraverso una sorta di raggiro. A denunciarlo è in sindacato VPOD.

“Essa riesce ad andare avanti nelle sue attività assumendo personale sanitario italiano, ignaro dei suoi comportamenti. Si tratta di persone senza lavoro nel loro paese, che accettano di tutto per iniziare ad esercitare la professione sociosanitaria nel nostro Cantone. Queste situazioni scandalose compromettono l’immagine dei servizi di assistenza e cura a domicilio in Ticino. Esse hanno pure conseguenze negative sulla qualità delle cure ai nostri anziani!”, si legge nella nota.

Cosa è successo? I dipendenti, una quindicina, di Assistenza Domiciliare ParadisoSagl sono stati licenziati in data 30.12.2016 e riassunti al 1.12.2017 dalla Victoria MultiservicesFisiospitex SA di Melano. Sette di loro si sono rivolti al sindacato per rivendicare il mancato pagamento dei salari di novembre 2017 (dovuto loro da ADSagl Paradiso) e dei mesi di dicembre 2017-gennaio 2018 (dovuto loro da VMF SA di Melano).

Victoria MultiservicesFisiospitex SA ha sede anche a Délémont, e dal 22.11.2017, è amministratrice con firma individuale, mentre la succursale di Melano  “è diretta dal signor Vincenzo Garofalo. In tal modo la signora Gasperini potrebbe sfuggire alla limitazioneimpostale dall’autorità cantonale ticinese per lo svolgimento di attività dirigenziali nel settore dell’assistenza e cura a domicilio in Ticino. Anche questo aspetto è da chiarire”, scrive il sindacato.

Infatti, per il VPOD, Mariangela Gasperini, come si legge su diversi media, “è stata condannata ad un anno e tre mesi di reclusione sospesi dalla Corte delle Assise correzionali di Mendrisio per truffa aggravata, ripetuta falsità in documenti e violazione della legge sull'AVS (per un raggiro da 1.2 milioni Fr.ai danni di varie assicurazioni)”, ed è stata oggetto di vari atti parlamentari.


Pubblicato il 09.02.2018 16:40

Guarda anche

Luganese
Il direttore del MAT posta la copia del modulo di iscrizione della ragazzina. "È datato agosto 2016, mentre la festa al Temus e la lezione aperta di cui parla risalgono a dicembre 2015. Avrebbe potuto dire che non era per motivi politici bensì personali, al limite". Chiarita la lite con Galeazzi
Luganese
Il vulcanico imprenditore vuole aprire un orto didattico per anziani, disabili e bambini, ma il Municipio di Manno gli contesta una recinzione non sicura. "Non è neppure una recinzione, sono macchine agricole vecchie", si giustifica, arrabbiato e triste. "Sono disgustato, pago tutto di tasca mia"
Luganese
L'associazione cattolica chiarisce di essere "in regola col Codice di Diritto Canonico della Chiesa, non razzista né tantomeno omofoba" e propone due date per la manifestazione, il 28 luglio o il 4 agosto. "Motivazioni stringate del Municipio, che ci ha negato il permesso solo per motivi politici e ideologici"
Luganese
Dopo l'annuncio della bocciatura del piano alternativo del MAT, si è scatenata una diatriba social fra il suo direttore e alcuni membri dell'UDC, in particolare Galeazzi e la presidente. D'Urso le ha fatto rettificare la parte relativa alla moglie, ma in ogni caso ha deciso di adire per vie legali