Un prezzo per il Cantone, uno... molto più basso per la Croce Rossa: i misteri di Rainbow, raccomandata comunque alla Confederazione
Il Caffè rivela la differenza di prezzo (non di poco conto, da 48 franchi orari si passa a 41,5 all'ora) dell'agenzia di sicurezza a seconda del datore di lavoro. Nonostante questo, Beltraminelli e Gobbi ne parlano bene a Berna. Nessun funzionario del DSS è andato in Sardegna
Politica
BELLINZONA – La Rainbow fatturava al Cantone, per la sorveglianza dei centri asilanti, 48 franchi all’ora. Ma se a chiederle lo stesso servizio era la Croce Rossa, il prezzo cambiava sensibilmente: 41,50 franchi orari.

Lo svela il Caffè nella sua edizione odierna. Non si conoscono i motivi della differenza, che non è comunque poca. Ricordiamo che una delle presunte motivazioni per cui alla fine ci si sarebbe orientati su Argo era il prezzo, teoria in ogni caso smentita dal rapporto di Marco Bertoli.

I rapporti rimangono comunque buoni, fra il Cantone e l’agenzia, anche dopo che il mandato dello scandalo è stato attribuito, come noto, ad Argo. "Per la gestione della sicurezza chiediamo di coinvolgere la ditta Rainbow, con la quale nelle ultime settimane abbiamo avuto i primi contatti in vista della gestione di una situazione di emergenza; sarebbe per noi imbarazzante la scelta di un’altra ditta", scrivono infatti Beltraminelli e Gobbi in una lettera inviata alla Segretaria di Stato dell’emigrazione il 16 novembre 2015. Nonostante, appunto, loro stessi si siano rivolti altrove.

Intanto, il settimanale rende noto come finalmente si sa che nessun funzionario del DSS ha goduto della vacanza in Sardegna da 5’000 franchi pagata da Argo: come si pensava sin dall’inizio, a beneficiarne è stato un dirigente della ditta.


Pubblicato il 11.02.2018 11:17

Guarda anche

Politica
Nuova documentazione sarebbe arrivata sul tavolo del Procuratore Generale, che ha così riaperto il dossier (dopo aver firmato un decreto d'abbandono). Intanto l'Ufficio Presidenziale risponde al Governo, sottolineando che diversi rimborsi, dal cellulare ai due mesi di salario extra, non hanno base legale
Politica
Aveva 94 anni, fra poco più di un mese ne avrebbe compiuti 95. Avvocato, ha esercitato nella Magistratura nei minorenni ed è stato Prucuratore Pubblico del Sopraceneri. In politica, di fede socialista, è partito dal Municipio di Chiasso per poi passare al Parlamento e infine al Governo, dove è rimasto per 12 anni
Politica
Mentre verrà aggiornata la documentazione da sottoporre all'UP, i Ministri continueranno a ricevere i rimborsi. "Sospenderli sarebbe come ammettere la propria colpa...", chiosa Pinoja, per Agustoni, Caverzasio e Durisch sarebbe meglio sospenderli. Il deputato MPS lo chiede ufficialmente all'UPDS stesso
Politica
Il presidente liberale sostiene il pacchetto fiscale contro cui la sinistra ha promosso il referendum. "Siamo poco concorrenziali rispetto ad altri Cantoni, dobbiamo allinearci al resto del Paese. È un patto sociale a favore delle aziende ma anche delle famiglie da accogliere nel suo insieme"