Quella percentuale di gente che rovina le feste... 22enne aggredita al Rabadan, si esclude lo stupro ma non le molestie sessuali
La ragazza, a Bellinzona con il proprio ragazzo e un gruppo di amici, si stava recando in bagno quando è stata aggredita da una persona che non conosce. Ha una ferita al volto, le telecamere piazzate in zona non chiariscono che cosa sia successo
Bellinzonese
BELLINZONA - Come diceva il presidente del Carnevale di Rovederedo, se molta gente si reca alle manifestazioni per divertirsi, c'è sempre quella piccola percentuale che non lo fa. E purtroppo ancora una volta quella fetta, magari poche persone, salta in prima pagina nella cronaca, trasformando la serata di divertimento di una giovane in un incubo.

Stando alla RSI, infatti, una ragazza 22enne, che si trovava nella notte tra venerdì e sabato al Rabadan di Bellinzona con alcuni amici e il ragazzo, è stata aggredita da una persona che non conosceva mentre si recava al bagno. Escluso lo stupro, ma non le molestie sessuali.

Sfortunatamente, le telecamere  non sono riuscite a immortalare immagini utili a capire che cosa possa essere successo. La testimonianza della giovane è l'unica voce, quando si è presentata dai sanitari, oltre al comprensibile spavento, presentava una ferita al viso.




Pubblicato il 11.02.2018 20:15

Guarda anche

Bellinzonese
Si continua a indagare a 360° sulla mancata strage alla Commercio: sarebbe avvenuta oggi, secondo quanto si sa. Il titolare del negozio che ha venduto 150 cartucce al giovane gli ha chiesto cosa ci facesse con la Parabellum, lui ha risposto di averla ereditata dal nonno e di andare allo stand di tiro a sparare
Bellinzonese
Il 19enne avrebbe agito domani, durante gli esami mattutini delle classi terze. A un docente mercoledì ha scritto di essere stufo di essere considerato un allievo modello. Lui chiede di poter vedere i genitori, i quali affermavano che stesse bene, nonostante in diversi avessero notato un comportamento diverso
Bellinzonese
"Per l'eleganza e la posa col kalashnikov", ha detto lo psichiatra, riferendosi all'autore della strage di Oslo. Intanto, nell'abitazione sarebbe stata trovata una lettera che spiegava che cosa intendeva fare e martedì il 19enne sarebbe andato ad acquistare le munizioni
Bellinzonese
I compagni di classe del 19enne, i docenti e il personale amministrativo sono stati incontrati dal Consiglio Direttivo, ed è stato messo a disposizione un sostegno psicologico. Ma le autorità tranquillizzano. Il Ministro, "non voglio pensare a quello che sarebbe potuto succedere. La scuola funziona bene!"