Per 42 deputati su 90 è en plein: ecco i sempre presenti. Ultima della classe in questo caso la dimissionaria Minoretti. MontagnaViva batte tutti!
Il Giornale del Popolo ha fatto notare come a livello di partiti Mattei porta il suo movimento a essere il più presente, fra coloro che fanno gruppo primo il PPD e ultimi i Verdi. Siamo andati ad approfondire cercando chi ha partecipato a 38 sedute nel 2017
Politica
BELLINZONA – MontagnaViva batte tutti! Il suo unico rappresentante, Germano Mattei, porta il movimento ad essere stati presente al 100% delle 37 sedute tenutesi nel 2018.

Un bel record per Mattei, per contro fra quelli meno presenti troviamo i deputati de La Destra, in aula per 32 sedute su 38. Secondi in classifica dopo MontagnaViva troviamo l’MPS, rappresentato da Pronzini, e il PC, con Ay: 33,5 presenze. Insomma, si nota che chi ha meno deputati è più presente, e può sorprendere sino a un certo punto, dato che per gli altri gruppi è necessaria una media, e se sei l’unica persona che porta in Parlamento un partito, se non ci sei, sono guai..

Il Giornale del Popolo ha così voluto fare dei paragoni. Dopo MonztagnaViva, i rappresentati più presenti sono stati i pipidini, seguiti da liberali, socialisti, leghisti e Verdi, in quest’ordine.

Ma in effetti, ragionare per gruppi è complicato. Vediamo, allora, i singoli deputati. Come detto, Mattei è sempre stato presente, non è il solo: come lui, Agustoni, Bacchetta-Cattori, Battaglioni, Beretta Piccoli, Canepa, Fonio, Franscella, Ghisla e Jelmini del PPD, Badasci, Balli, Bignasca, Campana, Guerra, Guscio, Ortelli,  Robbiani e Seitz della Lega, Bang, Corti, Garobbio, Ghisletta, La Mantia e Pugno Ghirlanda del PS, Caprara (nonostante l’impegnativa carica di presidente di partito), Cedraschi,  Censi, Crugnola, Gaffuri, Garzoli, Galusero, Gianora, Giudici, Käppeli, Pagnamenta, Pini e Polli del PLR, Crivelli Barella dei Verdi, Filippini de La Destra, Maggi e Merlo fra gli Ex Verdi. Insomma, un buon numero, 42 su 90, quasi la metà, hanno fatto l’ein plein.

Pensando ai capogruppo, sempre presenti come detto Maggi e Agustoni, un’assenza per il socialista Durisch, due per il liberale Farinelli e per il leghista Caverzasio.

La meno presente è stata Minoretti della Lega, poi dimessasi proprio per l’assenteismo, poco presente anche il compagno di lista Zanini, mentre anche Patuzzi e Pinoja non brillano per presenze.


Pubblicato il 12.02.2018 11:48

Guarda anche

Politica
Per Massimiliano Herber, "la Deputazione non è formata da 'somari', certamente c'è qualcuno più volpe di altri. I fatti a volte necessitano solo di qualche riga di spiegazione". Nava: "non sembriamo il Mattino, il nostro articolo non contiene insulti. Non sta a noi giudicare la RSI, abbiamo solo segnalato"
Politica
Il sindaco di Como parla addirittura di un problema internazionale per cui si vorrà sedere al tavolo col nuovo Governo. Reagiscono Gobbi e Quadri: "Non ha assolutamente voce in capitolo sulle nostre festività. Ma blocchiamo tutto, pure i ristorni". Galeazzi ironico, "il sole fa male"
Politica
Pesanti affermazioni del deputato MPS, che ritiene che i rappresentanti della sua lista non sono mai potuti intervenire durante assemblee estive dei dipendenti comunali. La denuncia riguarda le dichiarazioni di Versi, secondo cui lo stesso Pronzini avrebbe minacciato dei membri del FUD
Politica
"Non ci intromettiamo negli affare di competenza prettamente comunale nelle quali le sezioni godono della massima autonomia, ma in questo caso la Direttiva non può che distanziarsi", scrive il presidente ai due Municipali e ai sei consiglieri comunali. Ghiringhelli, "la Confederazione ha il piano B se Losone dice no"