Il Carnevale che fa incontrare... vincitore e vinto (ma ancora non si sa chi è chi). A Mendrisio Romano e Cavadini brindano insieme
Bella immagine condivisa sui social dal pipidino: i due sfidanti per la poltrona di sindaco si intrattengono insieme in occasione della festa nei quartieri di Mendrisio. Se sui media è partita la battaglia, nella vita di tutti i giorni prevalgono dunque cordialità e rispetto!
Mendrisiotto
MENDRISIO - Sui giornali uno (o almeno, il suo partito) ha detto di voler rendere la vita difficile all'altro, il secondo ha ribattuto che il zerzo (incomodo) è stato trattato male, il partito del primo ha ribattuto ancora al secondo che non è ancora sindaco. Dopo tanti anni con Carlo Croci in cabina di regia, Mendrisio si prepara allo storico cambio, causa dimissioni, e i concorrenti alla poltrona dovrebbero ormai essere, con quasi assolute certezza, solo due: Marco Romano, del PPD, e Samuele Cavadini del PLR.

Sui media, appunto, è botta e risposta. Il terzo (incomodo), per la cronaca, è Samuel Maffi, Municipale dal molti anni, che non è stato scelto dal PLR per il ballottaggio, preferendo il più giovane collega.

È la campagna elettorale, appunto. Ma sono belle le immagini che circolano in questi giorni sui social: Romano e Cavadini insieme al Carnevale nei quartieri. Non solo lavorando per cucinare il risotto, ma anche con un bicchiere di vino in mano, chiacchierando col Re Dormiglione Mirko Valtulini.

Insomma, politica è anche attaccarsi, poi ritrovarsi in convivialità. Avranno parlato della corsa a due per succedere a Croci? Solo loro lo sanno... e chi stava a fianco (ma scommettiamo ci sarà riservatezza). 


Pubblicato il 12.02.2018 14:20

Guarda anche

Mendrisiotto
d
Mendrisiotto
I soldi sono stati stanziati dal Consiglio Federale (unitamente ad altri 10 milioni per Aarau) nell'ambito del programma "Sviluppo futuro dell'infrastruttura ferroviaria", da attuarsi entro il 2025. Si punta a marciapiedi più lunghi e scambi più veloci
Mendrisiotto
Il giudice Amos Pagnamenta ha descritto un uomo che ha ingannato tutti, tenendo nascosti anche probabilmente i suoi sentimenti verso la cognata: per far sì che lei non dicesse di essere stata colpita con una bottiglia e che il loro rapporto finisse, l'ha uccisa. È assassinio e non omicidio intenzionale
Mendrisiotto
Il legale che difende Egli vuole che l'accusa di assassinio divenga di omicidio intenzionale: non ci sarebbe stata mancanza di scrupoli e nemmeno premeditazione. Era andato da lei non per ucciderla ma per vederla e trascorrere del tempo assieme, portandole un regalo, l'unico modo che conosceva