Tra chi si diverte e chi esagera... Tre ragazze in presunto coma etilico, due auto bruciate e un parco giochi vandalizzato
Il Rabadan prosegue a gonfie vele con un grande successo di pubblico, però si segnalano, dopo la tentata aggressione sessuale e il pestaggio di gruppo, altri episodi ben poco edificanti. Per qualcuno, ormai "i carnevali ticinesi stanno diventando come la Sagra dell'uva"
Bellinzonese
BELLINZONA – Continua a essere un Rabadan di successo, ma caratterizzato da episodi poco positivi. E la gente sui social, fra chi posta foto di risate e divertimento, punta il dito contro i vari carnevali, divenuti ormai un festival dell’ubriacatura (“non vogliamo finisca come la festa dell’Uva di Mendrisio”, ha scritto qualcuno).

Cosa è successo? Sempre tramite social era girata la voce che potesse girare la droga dello stupro, ma fortunatamente su ticinonews.ch il farmacista cantonale ha affermato che “in Ticino la penetrazione di queste sostanze è bassa”.

A preoccuparlo è l’alcool, e anche La Regione riporta di quattro ragazze finite addirittura in coma etilico: nessuno conferma, nessuno smentisce, pur se viene detto che la maggior parte delle persone che ricorre a cure mediche nella tendina apposita poi torna a casa con le proprie gambe.

Non è mancata, restando sempre al quotidiano bellinzonese, due auto bruciate, e per non farsi mancare nulla qualche vandalo si è divertito, forse in preda ai fumi dell’alcool, a danneggiare gli scivoli del parco giochi vicino al cimitero.

Oltre al pestaggio di gruppo ai danni di un 18enne e la tentata aggressione a una 22enne, entrambi nella sera tra venerdì e sabato. Ma cosa succede?


Pubblicato il 13.02.2018 15:30

Guarda anche

Bellinzonese
Il giovane italiano stava circolando questa mattina poco prima delle 7 verso Biasca quando ha perso il controllo della vettura, ha urtato un carroattrezzi parcheggiato fuori da una carrozzeria e poi una vettura. I soccorritori giunti sul posto non hanno potuto far altro che constatarne il decesso
Bellinzonese
L'incidente di Claro risale a una settimana fa: un 29enne domiciliato in Riviera aveva invaso la corsia opposta, per cause che toccherè all'inchiesta stabilire, urtando la vettura dello sfortunato 54enne mesolcinese, che è deceduto. Rimangono in ospedale il conducente dell'altra vettura e la sua passeggera
Bellinzonese
Le telecamere di un negozio hanno ripreso due persone, il cui volto non è stato ancora identificato, che si avvicinavano all'esercizio pubblico, e poi mentre avveniva il botto, che ha danneggiato vetrine e bucalettere, fuggivano. Ci sono loro dietro il caso che sta interessando tutto il Bellinzonese?
Bellinzonese
La co-coordinatrice dei Verdi (ma non è stata l'unica) aveva proposto questo sistema per ovviare al problema dei troppi bicchieri lasciati in giro durante il Rabadan. Il Municipio farà una prova in occasione di BelliEState, anche perché poi, tra Tour de Suisse e Mondiali, il rischio rifiuti è alto