Tra chi si diverte e chi esagera... Tre ragazze in presunto coma etilico, due auto bruciate e un parco giochi vandalizzato
Il Rabadan prosegue a gonfie vele con un grande successo di pubblico, però si segnalano, dopo la tentata aggressione sessuale e il pestaggio di gruppo, altri episodi ben poco edificanti. Per qualcuno, ormai "i carnevali ticinesi stanno diventando come la Sagra dell'uva"
Bellinzonese
BELLINZONA – Continua a essere un Rabadan di successo, ma caratterizzato da episodi poco positivi. E la gente sui social, fra chi posta foto di risate e divertimento, punta il dito contro i vari carnevali, divenuti ormai un festival dell’ubriacatura (“non vogliamo finisca come la festa dell’Uva di Mendrisio”, ha scritto qualcuno).

Cosa è successo? Sempre tramite social era girata la voce che potesse girare la droga dello stupro, ma fortunatamente su ticinonews.ch il farmacista cantonale ha affermato che “in Ticino la penetrazione di queste sostanze è bassa”.

A preoccuparlo è l’alcool, e anche La Regione riporta di quattro ragazze finite addirittura in coma etilico: nessuno conferma, nessuno smentisce, pur se viene detto che la maggior parte delle persone che ricorre a cure mediche nella tendina apposita poi torna a casa con le proprie gambe.

Non è mancata, restando sempre al quotidiano bellinzonese, due auto bruciate, e per non farsi mancare nulla qualche vandalo si è divertito, forse in preda ai fumi dell’alcool, a danneggiare gli scivoli del parco giochi vicino al cimitero.

Oltre al pestaggio di gruppo ai danni di un 18enne e la tentata aggressione a una 22enne, entrambi nella sera tra venerdì e sabato. Ma cosa succede?


Pubblicato il 13.02.2018 15:30

Guarda anche

Bellinzonese
Si continua a indagare a 360° sulla mancata strage alla Commercio: sarebbe avvenuta oggi, secondo quanto si sa. Il titolare del negozio che ha venduto 150 cartucce al giovane gli ha chiesto cosa ci facesse con la Parabellum, lui ha risposto di averla ereditata dal nonno e di andare allo stand di tiro a sparare
Bellinzonese
Il 19enne avrebbe agito domani, durante gli esami mattutini delle classi terze. A un docente mercoledì ha scritto di essere stufo di essere considerato un allievo modello. Lui chiede di poter vedere i genitori, i quali affermavano che stesse bene, nonostante in diversi avessero notato un comportamento diverso
Bellinzonese
"Per l'eleganza e la posa col kalashnikov", ha detto lo psichiatra, riferendosi all'autore della strage di Oslo. Intanto, nell'abitazione sarebbe stata trovata una lettera che spiegava che cosa intendeva fare e martedì il 19enne sarebbe andato ad acquistare le munizioni
Bellinzonese
I compagni di classe del 19enne, i docenti e il personale amministrativo sono stati incontrati dal Consiglio Direttivo, ed è stato messo a disposizione un sostegno psicologico. Ma le autorità tranquillizzano. Il Ministro, "non voglio pensare a quello che sarebbe potuto succedere. La scuola funziona bene!"