Federer da urlo! A Rotterdam torna il Numero 1 al mondo! Mai nessuno come lui nella storia. Ecco tutti i numeri di una carriere miracolosa. E di un brand che vale 30 milioni di euro Video
A 36 anni e mezzo Federer diventa così il giocatore più "anziano" di sempre al primo posto del ranking ATP, a cui aveva dovuto rinunciare nel 2012. Aveva raggiunto per la prima volta la vetta della classifica mondiale 14 anni fa, nel febbraio del 2004. E da lunedì inizierà la sua 303esima settimana da numero 1 al mondo
Sport
ROTTERDAM – Incredibile! Pazzesco! Roger Federer è tornato ancora una volta in vetta al tennis mondiale. A tre settimane dal suo ventesimo titolo del Grande Slam, grazie al successo ottenuto ieri sera nei quarti di finale del torneo di Rotterdam contro Robin Haase da lunedì il basilese sarà il nuovo numero 1 delle classifiche mondiali.

A 36 anni e mezzo Federer diventa così il giocatore più "anziano" di sempre al primo posto del ranking ATP, a cui aveva dovuto rinunciare nel 2012. Aveva raggiunto per la prima volta la vetta della classifica mondiale 14 anni fa, nel febbraio del 2004. E da lunedì inizierà la sua 303esima settimana da numero 1 al mondo.

Soprannominato The Swiss Maestro, in virtù dei record e del numero di titoli conseguiti, dello stile di gioco efficace e vincente su ogni superficie, dell'eccellente rendimento sull'arco di una carriera longeva, è considerato il miglior tennista di tutti i tempi e uno dei più grandi sportivi di sempre. Così Wikipedia descrive il campione svizzero.
È il giocatore che è stato più a lungo il numero 1 del mondo, sia come totale di settimane in vetta al ranking mondiale ATP (302), sia per il totale di settimane consecutive (237, dal 2 febbraio 2004 al 17 agosto 2008).

È il giocatore che ha vinto più titoli nei tornei del Grande Slam (20), che ha partecipato al maggior numero di finali (30) e che ha vinto il maggior numero di partite negli Slam (332). È stato l'unico tennista della storia capace di vincerne 3 su 4 in 3 anni diversi (2004, 2006, 2007). Il 7 giugno 2009, con la vittoria nel Roland Garros, è diventato uno degli otto giocatori della storia del tennis ad aver completato il Career Grand Slam.

Il 16 luglio 2017 è diventato l’unico giocatore ad aver vinto otto volte Wimbledon, raggiungendo la finale senza perdere nemmeno un set, stabilendo il nuovo primato di finali disputate in uno stesso Slam (11) e di partite vinte nel torneo (91).

Nell'era Open risulta inoltre anche il tennista più vittorioso negli US Open, a pari merito con Pete Sampras e Jimmy Connors. Il 28 gennaio 2018, vincendo il suo sesto Australian Open, ha eguagliato il record di vittorie anche dello slam australiano segnando, con il raggiungimento del ventesimo titolo, una delle imprese più significative nella storia dello sport.

Altri numeri… Federer è il tennista che ha vinto più volte le ATP Finals (6), che detiene il maggior numero di partecipazioni alla finale (10) e che ha vinto più partite (54). Detiene inoltre il record di titoli sul cemento (66) e sull'erba (17). Nel totale complessivo dei titoli ATP è il giocatore in attività ad aver vinto più titoli nel singolare maschile (96), divisi in 20 titoli Grand Slam, 6 ATP Finals, 27 ATP World Tour Masters 1000, 19 ATP World Tour 500 series (record condiviso con Rafael Nadal) e 24 ATP World Tour 250 series.

Ha conquistato inoltre due medaglie olimpiche: ai Giochi Olimpici di Pechino 2008 si è aggiudicato l'oro nel doppio assieme a Stanislas Wawrinka, mentre a Londra 2012 ha conquistato l'argento nel singolare perdendo in finale a Wimbledon da Andy Murray.

Secondo uno studio della London Marketing School, Federer è l’atleta commercialmente più vendibile nel mondo. Per Forbes, che nel 2017 lo pone al primo posto tra gli sportivi, il valore del suo brand è di 30 milioni di euro. Si calcola che nel corso della sua carriera abbia guadagnato la cifra record di oltre 525 milioni, rimanendo, al suo ventesimo anno di professionismo, ancora il quarto sportivo più pagato del mondo, con 60 milioni di euro nel solo 2017.


Pubblicato il 17.02.2018 07:41

Guarda anche

Politica
di Piero Marchesi, vicepresidente UDC Ticino
Politica
di Marco Romano, consigliere nazionale PPD
Politica
di Giovanni Albertini, Generazione Giovani, presidente Associazione Ticino&Lavoro
Politica
«Non è il mantenere una sola galleria a disincentivare l’uso dell’auto», ha dichiarato il clown, fra i fondatori dell'Iniziativa delle Alpi