Bottinelli, guarda: dallo zozzo carnevale alle stoviglie riutilizzabili con deposito, Bellizona ci prova
La co-coordinatrice dei Verdi (ma non è stata l'unica) aveva proposto questo sistema per ovviare al problema dei troppi bicchieri lasciati in giro durante il Rabadan. Il Municipio farà una prova in occasione di BelliEState, anche perché poi, tra Tour de Suisse e Mondiali, il rischio rifiuti è alto
Bellinzonese
BELLINZONA – Il caos di bicchieri e bottiglie trovate in giro a Bellinzona durante il Rabadan (anche se erano solo parte dei rifiuti causati dalla manifestazione) ha spinto la verde Jessica Bottinelli a chiedere misure alternative, come i bicchieri riutilizzabili con deposito.

Il sistema è di per sé semplice: quando si prende la prima bibita, si versa un deposito, dai 2 ai 5 franchi, che tornano nelle proprie tasche quando si consegna l’ultimo bicchiere. Se lo si butta, i soldi vanno persi. Una tecnica semplice, già usata in svariate manifestazioni.

“Invito formalmente gli organizzatori dei carnevali in Ticino (ma non solo!) a valutare questa proposta e a informarsi sulle reali possibilità esistenti. Brindare in maniera ecosostenibile sarebbe un bel traguardo anche per il nostro cantone”, aveva scritto la verde in una lettera aperta dopo il Radaban (vedi suggeriti). E forse non è caduta nel vuoto: la Regione di questa mattina anticipa infatti che probabilmente verrà effettuato un test con i bicchieri a deposito durante BelliEState, che si terrà dal 25 maggio al 15 luglio (manifestazione organizzata dall’ente autonomo BellinzonaSport).

Un esperimento, per ora, e a seconda di come andrà si potrà decidere di estendere il sistema ad altri eventi. In particolare, si teme per quest’estate, quando a metà giugno arriverà il gran finale del Tour de Suisse e contemporaneamente, fino a inizio luglio, su un grande schermo saranno proiettati i Mondiali di calcio.

Il Municipio, ha confermato Christian Paglia, ha preso contatto con alcune ditte che possono fornire stoviglie riutilizzabili ed anche lavastoviglie apposite per il loro lavaggio.

Un cambio di rotta per Bellinzona, dunque?

Va specificato che non è stata solo Jessica Bottinelli ad aver lanciato l'idea, bensì esistevano due mozioni sul tema.


Pubblicato il 22.02.2018 13:44

Guarda anche

Bellinzonese
TicinoLibero aveva ragione: i due giovani picchiati a Bellinzona da una quindicina probabilmente di eritrei ha sporto denuncia. In giornata c'era stato mistero sulla vicenda perché la Polizia aveva detto di non aver ricevuto alcuna denuncia. Alcuni aggressori potrebbero essere minorenni
Bellinzonese
Mistero attorno alla vicenda della coppia aggredita dal gruppo di eritrei: la Polizia è intervenuta per identificare alcuni asilanti presenti sul posto, però i due ragazzi non hanno sporto denuncia. La 21enne ci aveva detto che attendeva di essere chiamata "per verbalizzare tutto e andare avanti"
Bellinzonese
La giovane coinvolta nella rissa di Bellinzona rivive quanto successo. "Il mio fidanzato ha un trauma cranico, io anche e in più ho il naso rotto, con danni estetici. Un signore ha chiamato la Polizia, a quel punto sono arrivati tutti. Ho provato a difenderlo ma mi hanno colpito e ho perso il senso dell'orientamento"
Bellinzonese
I protagonisti, un 19enne e la sua ragazza 22enne, stavano passeggiando per Bellinzona quando sono stati apostrofati. Il ragazzo ha reagito a parole e da lì è iniziato il pestaggio, in cui si è messa in mezzo anche la ragazza. La Polizia ha identificato otto persone, tutte eritree