L'impressionante video del frontale di giovedì notte nella galleria del San Salvatore. È un miracolo che l'incidente non sia sfociato in tragedia!  Video
Il bilancio dell’incidente è grave ma non tragico: gli occupanti dell’auto investitrice hanno riportato serie ferrite, mentre il 46enne se l’è cavata con ferite leggere. Ma guardando le immagini pare un miracolo che giovedì notte non ci sia scappato il morto
Cronaca
GRANCIA - Le immagini pubblicate questa mattina da liberatv.ch sono impressionanti. La videosorveglianza interna alla galleria del San Salvatore le ha fissate in tutta la loro drammaticità.

Tutto accade in pochi secondi, senza quasi possibilità di reazione. Sono circa le 3 della notte tra giovedì e venerdì scorso. Un tubo del tunnel è chiuso per lavori di manutenzione, nel secondo si circola dunque in entrambi i sensi.

Un 43enne italiano diretto verso il confine al volante di un’auto con a bordo due giovani polacchi entra in galleria ad alta velocità, perde il controllo e si schianta frontalmente contro una macchina guidata da un 46enne del Mendrisiotto. La polizia ha fatto sapere che il 43enne, che abita nel Comasco, era ubriaco.

Nel filmato, in alto a destra, si vede l’auto investitrice che entra nel campo visivo lasciandosi dietro una scia di scintille provocate probabilmente da una brusca frenata. Poi la vettura s’impenna, si schianta con la parte posteriore contro la parete della galleria e con quella anteriore contro l’auto che viaggia in direzione opposta.

Il conducente di quest’ultima sterza riuscendo a evitare il pieno impatto frontale. Ma lo schianto è violentissimo e pezzi di vetture volano in aria, come accade in un’esplosione.
A quel punto la macchina guidata dal 43enne continua la sua corsa completamente ribaltata - per un centinaio di metri, ha comunicato la polizia - ed esce dal campo visivo.

Il bilancio dell’incidente è grave ma non tragico: gli occupanti dell’auto investitrice hanno riportato serie ferrite, mentre il 46enne se l’è cavata con ferite leggere. Ma guardando le immagini pare un miracolo che giovedì notte non ci sia scappato il morto.




Pubblicato il 05.03.2018 09:29

Guarda anche

Cronaca
Le ricerche da parte della polizia per individuare il pilota del drone sono state subito avviate e questi è stato rintracciato presso la diga della Verzasca. Si tratta di uno svizzero 42enne domiciliato nel canton Lucerna verrà denunciato all'Ufficio federale dell'aviazione.
Cronaca
Da quando è stata introdotta la misura che è sempre stata contestata dall'Italia ("ma nessun cittadino si è mai opposto", afferma Gobbi), su 73'579 richieste ne sono state respinte 201, con una media di 6,8 permessi negati al mese. Se verrà firmato l'accordo fiscale, la richiesta cadrà
Cronaca
Il deputato dell'UDC pone l'attenzione su un problema che attanaglia tutti i ticinesi. "Viaggi da incubo, da Airolo a Chiasso c'è un cantiere che parta all'uscita del portale Sud e termina a Biasca, poi dopo Bellinzona le carreggiate si restringono, da Lugano in poi... Devono essere per forza tutti insieme e così lunghi?"
Cronaca
Il presidente di GastroTicino si scaglia contro il quotidiano d'Oltralpe, che ha scritto come "a casa è certamente più bello", di fatto invitando i turisti a non recarsi nel nostro Cantone per tempo pessimo e traffico (realtà che purtroppo non si possono negare). Intanto i ristoranti...