"Sareste d'accordo a concedere la cittadinanza italiana agli abitanti di Ticino e Grigioni italiano?". Il 91% dice sì!
Il sondaggio è stato proposto in un gruppo social che si occupa "dei valori della lingua italiana a prescindere dalla nazionalità di chi la parla". La maggioranza a favore della nazionalità italiana per ticinesi e grigionesi di lingua italiana è stata schiacciante: c'è chi sogna ancora una grande Italia
Estero
BELLINZONA – È un gruppo Facebook che parla di italofonia, intesa in senso generale. E ogni tanto sbuca qualche contributo sul Ticino e sulla Svizzera Italiana.

È composto principalmente da italiani, persone appassionate della propria cultura e della propria lingua, nostalgiche di un irredentismo che potrebbe far sì che regioni che parlano italiano non dovessero rimanere staccate dall’Italia. La descrizione recita così: “segue i valori della lingua italiana, a prescindere dalla nazionalità di chi la parla, nelle zone italofone storiche, ossia Italia, S.Marino, Malta, Corsica, Nizzardo, Ticino, Grigioni, Istria, Quarnaro e Dalmazia. Il principale interesse e scopo del gruppo sono quelli di riunire simbolicamente tutti gli italofoni, di promuovere e divulgare l'uso della nostra lingua e cultura anche nelle minoranze linguistiche italiane. Inoltre deve essere un semplice stimolo per il bilingue all'uso paritario dell'italiano”.

Si inserisce in questo contesto un sondaggio che sicuramente potrà far discutere in Ticino. Qualche giorno fa è stato chiesto agli utenti se sarebbero d’accordo di concedere la cittadinanza italiana agli abitanti di Ticino e Grigioni, e nei non comunque tantissimi votanti la maggioranza è stata schiacciante: quasi il 91% ha detto sì.

“Ed anche a corsi, nizzardi, istriani, sanmarinesi, maltesi,…”, ha aggiunto un membro del gruppo.
Il sogno di una grande Italia non è svanito, per qualcuno. Sono pochi, ma ci sono.


Pubblicato il 07.03.2018 15:46

Guarda anche

Estero
"Vivo sotto scorta da più di undici anni – dice lo scrittore –. Ho più paura a vivere che a morire così"
Estero
La bravata è costata ad un dottore del nostro Cantone 600 euro di multa. Per la Polizia, una volta visto il contenuto del sacco gettato a terra nei pressi della discarica, è stato un gioco da ragazzi risalire a lui e consegnarli la sanzione di 600 euro, in linea con la campagna anti-rifiuti del sindaco
Estero
Il Ministro dell'Interno è nell'occhio dei ciclone per la questione migranti, ma non dimentica i vicini, "un Paese rigoroso che fa rispettare le sue regole. Per questo avremo particolari attenzioni su Como, potenzieremo gli organici delle forze dell'ordine della provincia"
Estero
In provincia di Bergamo, un maghrebino è stato azzannato dal cane della famiglia nella cui casa voleva rubare. Ma non è finita, perché ha deciso di andare in Polizia denunciando l'aggressione e i Carabinieri si sono visti costretti a portare avanti il caso. GUARDA IL VIDEO