Dramma della follia a Stabio: a causa di una lite investe un uomo schiacciandogli le gambe contro un'auto parcheggiata!
L'ipotesi di reato nei confronti del 73enne autore del gesto è di tentato omicidio intenzionale, subordinatamente lesioni gravi, o lesioni semplici qualificate. L'inchiesta è coordinata dal Sostituto Procuratore generale Antonio Perugini. Il 46enne ha riportato ferite di una certa gravità alle gambe.
Cronaca
STABIO - Ieri poco prima delle 17 in via Luvee a Stabio è scoppiata una lite tra un 73enne e un 46enne, entrambi italiani domiciliati nel Mendrisiotto. Nel corso dell'alterco il 73enne alla guida di un'auto ha cercato di investire il 46enne schiacciandogli le gambe contro una vettura parcheggiata. L’inchiesta sta cercando di far luce sul movente.

Sul posto sono intervenuti agenti della Polizia cantonale, della Polizia comunale di Mendrisio e i soccorritori del Sam che dopo aver prestato le prime cure al 46enne lo hanno trasportato in ambulanza all'ospedale. L'ipotesi di reato nei confronti del 73enne è di tentato omicidio intenzionale, subordinatamente lesioni gravi, lesioni semplici qualificate.

L'inchiesta è coordinata dal Sostituto Procuratore generale Antonio Perugini. Il 46enne ha riportato ferite di una certa gravità alle gambe.


Pubblicato il 10.03.2018 12:37

Guarda anche

Cronaca
Il deputato leghista sui social: "L'aquila bicipite in quel contesto è certamente un gesto divisivo che ricorda il conflitto etnico nei Balcani"
Cronaca
"La maggioranza qualificata – si legge nel testo firmato da altri 50 deputati - non si è raggiunta per delle assenze, tipiche in un Parlamento di milizia, di alcuni deputati che avrebbero sostenuto il credito"
Cronaca
Infine, il consigliere nazionale si esprime anche in merito alla bandiera del Kosovo stampata sulla scarpa di Xherdan Shaqiri. "Se i giocatori possono scendere in campo senza altre bandiere sulle scarpe, sulle calze o sulle mutande è meglio. È doveroso nei confronti del Paese che li ha accolti e che gli permette di giocare"
Cronaca
Controlli mobili della velocità piazzati in tutti i Distretti del Cantone: il Luganese il più colpito