Si sentì male ma volle essere dimessa per non perdere gli esami. A seguito della morte di una giovane, un viceprimario a processo per omicidio colposo
I fatti risalgono al 2012, quando il viceprimario dell'Ospedale Regionale di Lugano dimise la 25enne, la quale morì una ventina di giorni dopo per tromboembolia polmonare. Decreto d'abbandono per altri due medici e due assistenti, ma non per lui, che per Noseda fu negligente
Sanità
LUGANO – Una giovane che si sente male, non vuole saltare gli esami di avvocatura, si fa dimettere, si risente male e muore. È una vicenda del 2012, ma presto pare, secondo quando riferisce la RSI, avrà un epilogo in tribunale: alla sbarra comparirà un viceprimario dell’Ospedale Regionale di Lugano, per omicidio colposo.

Con lui inizialmente erano stati indagati anche altri due medici e due assistenti, nei loro confronti è stato emesso un decreto d’abbandono. Non per il medico.

Il 20 novembre 2012 una 25enne fu ricoverata dopo essere svenuta. Aveva gli esami di avvocatura, e non li voleva perdere, per cui fu dimessa il giorno dopo. Passò poco, una ventina di giorni, e l’8 dicembre si sentì di nuovo male, morendo per una tromboembolia polmonare. A nulla servì il ricovero all’Italiano.

Il medico è accusato da John Noseda di non aver diagnosticato il rischio di tromboemboliga, di non aver eseguito gli esami necessari, di non aver trattenuto la paziente per ulteriori accertamenti e per non aver prescritto le cure adeguate. È difeso da Mario Branda, che non rilascia dichiarazioni, così come l’EOC.



Pubblicato il 12.03.2018 19:15

Guarda anche

Sanità
I vertici dell'ospedale del cuore soddisfatti. Il direttore sanitario Prof. Tiziano Moccetti: "Enorme riconoscimento all'impegno clinico e scientifico per il nostro istituto"
Sanità
Secondo i dati statistici, in Svizzera soltanto un quinto delle persone affette da HIV ne è consapevole e sono circa 3mila quelle che non sanno di aver contratto il virus
Sanità
Il Civico si è autodenunciato. L'uomo era stato operato il giorno prima della tragedia e veniva controllato ogni due ore. "Dipende dal tipo di intervento e dalle condizioni generali del paziente: le verifiche spettano al team medico e/o infermieristico", spiega il dottor Majino-Hurst
Sanità
In un lungo messaggio, gli organizzatori della serata sono tornati sull'entusiasmo che si è respirato, "chi ha occhi per vedere non può avere dubbi. La battaglia non è contro l'EOC". Il deputato interviene, "su che base il Governo fa da mediatore. E il tema non è nato oggi, tre anni fa Giudici..."