L'eterna vicenda della sorveglianza al centro richiedenti di Camorino: pronto il nuovo concorso
Dopo la vicenda Argo, c'era stato un concorso, ma un ricorso accolto da parte del Tribunale cantonale amministrativo ha fatto sì che ora sia pubblicato un nuovo bando, volto a precisare alcuni aspetti del capitolato d'oneri. Nel frattempo il compito è affidato alla Croce Rossa
Bellinzonese
BELLINZONA - Il Dipartimento della sanità e della socialità informa che, in data odierna, è stato pubblicato il nuovo bando di concorso per i servizi di sorveglianza presso il centro cantonale richiedenti l’asilo di Camorino.

In seguito al recente accoglimento da parte del Tribunale cantonale amministrativo del ricorso concernente il bando di concorso per i servizi di sorveglianza presso il centro cantonale richiedenti l’asilo di Camorino  e presso altre eventuali strutture, il Dipartimento della sanità e della socialità ha indetto un nuovo concorso. 

Tenuto conto dalla sentenza del Tribunale amministrativo, il nuovo bando circoscrive l’attività al centro cantonale di Camorino. Considera altresì le ulteriori indicazioni formulate  nel giudizio dell’autorità di ricorso, volte a meglio precisare alcuni aspetti del capitolato d’oneri. 

Si ricorda inoltre che nel frattempo la gestione operativa del centro è stata affidata a un partner terzo, segnatamente a Croce Rossa

Pubblicato il 13.03.2018 14:18

Guarda anche

Bellinzonese
TicinoLibero aveva ragione: i due giovani picchiati a Bellinzona da una quindicina probabilmente di eritrei ha sporto denuncia. In giornata c'era stato mistero sulla vicenda perché la Polizia aveva detto di non aver ricevuto alcuna denuncia. Alcuni aggressori potrebbero essere minorenni
Bellinzonese
Mistero attorno alla vicenda della coppia aggredita dal gruppo di eritrei: la Polizia è intervenuta per identificare alcuni asilanti presenti sul posto, però i due ragazzi non hanno sporto denuncia. La 21enne ci aveva detto che attendeva di essere chiamata "per verbalizzare tutto e andare avanti"
Bellinzonese
La giovane coinvolta nella rissa di Bellinzona rivive quanto successo. "Il mio fidanzato ha un trauma cranico, io anche e in più ho il naso rotto, con danni estetici. Un signore ha chiamato la Polizia, a quel punto sono arrivati tutti. Ho provato a difenderlo ma mi hanno colpito e ho perso il senso dell'orientamento"
Bellinzonese
I protagonisti, un 19enne e la sua ragazza 22enne, stavano passeggiando per Bellinzona quando sono stati apostrofati. Il ragazzo ha reagito a parole e da lì è iniziato il pestaggio, in cui si è messa in mezzo anche la ragazza. La Polizia ha identificato otto persone, tutte eritree