"È stato un pasticcio, ma i Consiglieri di Stato sono onesti". Il Gran Consiglio dice no a un ricorso contro il decreto di abbandono e a una CPI
Tutti concordi sulle conclusioni parziali presentate dalla Sottocommissione, che proseguirà i suoi lavori. Guerra: "I due leghisti pronti a ridare i soldi se non erano in regola". Pinoja: "non avevano motivo di dubitare". Denti riprende Pronzini, "anche lui fa parte della casta"
Politica
BELLINZONA – Il Gran Consiglio non impugnerà il decreto di abbandono di John Noseda nel procedimento per i rimborsi (66 coloro che hanno votato no, solo 11 sì e una scheda bianca). Per i gruppi parlamentari, non è il caso: tutti parlano di negligenza, di errori, di confusione, ma non di colpe specifiche e penali del Governo.

Si sono succeduti gli interventi dei rappresentanti di ogni partito, e tutti più o meno hanno posto l’accento sul fatto che l’affaire rimborsi è nato da un pasticcio amministrativo, da problemi di comunicazione fra i vari attori, storture che andranno corrette, come è stato spiegato prima da Bacchetta-Cattori.

Nessuno ritiene che i Consiglieri di Stato od anche il Cancelliere abbiano preso volutamente dei soldi che non spettavano loro. Anzi, Michele Guerra ha sottolineato ancora una volta la disponibilità dei Ministri leghisti a restituire il maltolto, se ci fosse bisogno. Tutti sulla stessa lunghezza d’onda, insomma, con Pinoja che ha aggiunto come la colpa non possa andare ai recenti governanti, che non avevano motivo di cambiare una prassi su cui nessuno aveva nulla da ridire.

Critico, come sempre, Matteo Pronzini, che ha accusato il Consiglio di Stato di arroganza, ha usato la parola “ladri” e ha parlato di casta, redarguito poi da Denti, che gli ricordato come anche lui faccia parte del consesso che decide e vota, e lo ha pregato di abbassare i toni.

In ogni caso, non si impugnerà il decreto, e nemmeno è ritenuta necessaria una Commissione Parlamentare d’Inchiesta: la relazione, seppur parziale, della Sottocommissione della Gestione,  va bene, ed essa lo completerà, rispondendo poi alle domande nate nel mentre.


Pubblicato il 13.03.2018 17:57

Guarda anche

Politica
PS e PC: "L’avvio di un tale procedimento penale è inopportuno: si tratta di una intimidazione contro dei rappresentanti del popolo che hanno ascoltato i cittadini, hanno compiuto un’indagine a tutto vantaggio della trasparenza e, su questa base, hanno poi elaborato un atto parlamentare come da mandato democratico"
Politica
Le dimissioni di Frapolli giungono a poche ore dalla decisione di un’altra deputata leghista, Patrizia Ramsauer, di dichiararsi indipendente
Politica
Due giorni si sensibilizzazione alle Orsoline per ministri, deputati e funzionari sull'importanza di donare il sangue per salvare vite umane. Ma il deputato leghista contesta il congedo
Politica
Il presidente dell'UDC lancia un messaggio via social al collega: "Caro Fiorenzo, vai fino in fondo e sostieni l’iniziativa contro la libera circolazione”