Christan R, arrivederci (semmai) al 2027: il pirata bandito dalla Svizzera. E la questione prigione non è ancora chiusa
L'uomo che aveva compiuto una serie di sorpassi nella galleria del Gottardo, condannato a 30 mesi di cui 12 da scontare, secondo il Tribunale di Stoccarda non deve andare in carcere, la Procura Tedesca ha ricorso. Intanto il DI ha ottenuto il divieto di entrata nel nostro paese
Estero
BERNA – Non finirà, con ogni probabilità, in carcere, perché la Germania non ha ritenuto di fargli scontare i 12 mesi (era stato condannato a 30, gli altri sospesi) comminati a Lugano, ma non potrà entrare in Svizzera per lungo tempo.

Il protagonista è sempre lui, Christian R, divenuto famoso per aver compiuto una serie di sorpassi a dir poco azzardati nella galleria del Gottardo, e aver poi deriso attraverso il Blick la Svizzera.

A dire il vero, anche la vicenda relativa alla prigione non è ancora del tutto chiusa, perché la Procura Tedesca ha ricorso contro la decisione del Tribunale di Stoccarda.

Il Dipartimento delle Istituzioni, guidato da Gobbi, che aveva sempre voluto far applicare la pena al pirata della strada, ha chiesto e ottenuto dal Dipartimento federale di giustizia e polizia il divieto a entrare in Svizzera fino al 10 luglio 2027, come anticipa la RSI. L’articolo applicato è il 67, che colpisce “chi ha violato o espone a pericolo l'ordine e la sicurezza pubblici”.

Dunque, la SEM gli impedirà per 10 anni di venire sul suolo elvetico. La domanda è se a Christian R. importi qualcosa, visto che a lungo aveva sbandierato al Blick la sua patente, che non gli era stata revocata dopo la bravata, dicendo che tanto lui da lui non sarebbe tornato.


Pubblicato il 05.04.2018 22:31

Guarda anche

Estero
"Vivo sotto scorta da più di undici anni – dice lo scrittore –. Ho più paura a vivere che a morire così"
Estero
La bravata è costata ad un dottore del nostro Cantone 600 euro di multa. Per la Polizia, una volta visto il contenuto del sacco gettato a terra nei pressi della discarica, è stato un gioco da ragazzi risalire a lui e consegnarli la sanzione di 600 euro, in linea con la campagna anti-rifiuti del sindaco
Estero
Il Ministro dell'Interno è nell'occhio dei ciclone per la questione migranti, ma non dimentica i vicini, "un Paese rigoroso che fa rispettare le sue regole. Per questo avremo particolari attenzioni su Como, potenzieremo gli organici delle forze dell'ordine della provincia"
Estero
In provincia di Bergamo, un maghrebino è stato azzannato dal cane della famiglia nella cui casa voleva rubare. Ma non è finita, perché ha deciso di andare in Polizia denunciando l'aggressione e i Carabinieri si sono visti costretti a portare avanti il caso. GUARDA IL VIDEO