"Hanno agito in buona fede, abbiamo chiesto loro di fare attenzione". Richiamo formale per Gagnon e Sganzini
Lo ha deciso il Municipio all'unanimità: sono un richiamo per i due, dopo i casi di appalti non corretti al LAC. D'altronde si era detto sin da subito che la fiducia in loro non era in dubbio e nemmeno la buona fede con cui avevano agito
Luganese
LUGANO – Alla fine, qualcuno potrebbe dire che è finita a tarallucci e vino. L’inchiesta amministrativa ai danni del Direttore del LAC Michel Gagnon e del direttore della Divisione Cultura Lorenzo Sganzini è terminata, anche abbastanza velocemente, con un richiamo formale.

Il Municipio ha optato all’unanimità per questa scelta, anticipa la RSI. La vicenda era legata a appalti non regolari dati al LAC stesso, ma sin dall’inizio era emersa la grande fiducia dell’Esecutivo verso i due, che non veniva messa in discussione. Anzi era stato detto che era per i due un’opportunità di poter dire la loro.

La RSI stessa ha interpellato Roberto Badaracco, capodicastero cultura, che ha detto: “Li abbiamo richiamati a fare attenzione e rispettare le procedure sulle commesse pubbliche e verificarne l’idoneità , ma è stato appurato che hanno agito sempre in buona fede”.



Pubblicato il 12.04.2018 21:44

Guarda anche

Luganese
Beretta Piccoli non è più in politica attiva ma segue il tema dell'ex Macello da sempre. "Ci sono degli accordi cantonali, firmati con Martinelli. Lui riusciva a dialogare con loro, adesso no: non c'è volontà! Alloggi assieme al centro cultura? E cosa fanno, spettacoli che finiscono alle 22?"
Luganese
"La struttura è centrale rispetto all'Università, al nuovo campus USI/SUPSI e al futuro polo congressuale, inoltre l'area è interessata da una fase di sviluppo ed è ben servita dai mezzi pubblici". La Città di Lugano, dopo il no del museo cantonale di storia, è pronto a creare "un luogo creativo e ricreativo per tutti"
Luganese
L'incidente è avvenuto ad Aldesago, protagonista un 69enne cittadino italiano domiciliato nel Luganese. Stava cercando di riprendere l'animale, uscito dalla recinzione di un pascolo, ed è caduto. Subito soccorso da un grande spiegamento di forze, le sue condizioni sono gravi
Luganese
Chiacchierata a 360° con il 'paninaro' per eccezione, che a Vezia il 21 aprile aprirà la sua nuova attività, nata dal crowfunding. "Mi fa male vedere i giovani senza valori, che guardano solo calciatori e attori, dove uno su mille ce la fa. Mi dicono che sono diventato un simbolo... E oltre ai panini, preparo i Bounty per vegani"