La Polizia comunicherà anche dove si trovano i radar semi-stazionari!
Dopo la posizione di quelli mobili, verrà resa nota anche quella dei semi-stazionari: per il DI, infatti, "i controlli di velocità rimangono l'ultima opzione da impiegare solo dove altre misure di prevenzione risultano inefficaci". Intanto, nove delle attuali dieci postazioni verranno ammodernate
Cronaca
BELLINZONA - Sull’edizione odierna del Foglio ufficiale è stato pubblicato il bando di concorso per l’acquisto di due postazioni semi-stazionarie di rilevamento della velocità; saranno così sostituiti nove dei dieci impianti installati dalla Polizia cantonale, a partire dal 2006, sulle strade cantonali e le autostrade ticinesi. 

Il Dipartimento delle istituzioni informa inoltre che, in un’ottica di prevenzione, in futuro anche i rilevamenti semi-stazionari sulle strade cantonali saranno comunicati alla popolazione come avviene già per i controlli mobili della velocità.

I dieci apparecchi semi-stazionari di rilevamento della velocità in funzione su strade cantonali e autostrade ticinesi – installati a partire dal 2006 – risultano ormai vetusti, e la loro manutenzione richiede ogni anno investimenti per circa 120.000 franchi. Le trasformazioni del traffico alle quali abbiamo assistito negli ultimi dodici anni impongono inoltre un ripensamento della strategia delle forze dell’ordine, con una diversificazione dei controlli. 

Il Dipartimento delle istituzioni ha dunque deciso di sostituire nove delle attuali dieci postazioni, acquistando due nuovi apparecchi che saranno utilizzati come postazioni semi-stazionarie: i dettagli del bando di concorso sono pubblicati sull’edizione odierna del Foglio ufficiale.

Rimarranno per contro in funzione l’apparecchio situato sul tratto autostradale nel territorio di Balerna - e installato nel 2016 - e quello posizionato sull’autostrada in territorio di Collina d’Oro. 

Come dimostra la prassi oggi adottata nell’utilizzo degli apparecchi mobili, i controlli di velocità rimangono l’ultima opzione, da impiegare solo nei punti nei quali altre misure di prevenzione risultano inefficaci. Per questa ragione, anche l’attività dei nuovi dispositivi sarà segnalata attraverso i canali di comunicazione della Polizia cantonale.

In quest’ottica, prossimamente la Polizia cantonale informerà inoltre sul momento a partire dal quale non saranno più in servizio le attuali postazioni fisse – che tuttavia, a scopo preventivo e dissuasivo, non saranno fisicamente rimosse. 

Pubblicato il 13.04.2018 15:14

Guarda anche

Cronaca
Il Consigliere di Stato si è sempre battuto affinché il pirata della strada germanico finisse dietro le sbarre, e sottolinea "la perseveranza e il gioco di squadra tra i servizi del mio Dipartimento con il tramite delle Autorità Federali": la sentenza emessa a Lugano sarà esecutiva
Cronaca
"Basta controllarci, lasciateci respirare e ancor di più fatelo coi giovani!", è l'urlo di protesta di Gerri Beretta Piccoli. Dopo il caso della festa di compleanno di Arbedo, a seguito del nostro articolo c'è chi ci accusa di moralismo e chi ritiene che i giovani non sappiano divertirsi: e se fosse colpa di genitori e polizia?
Cronaca
Marco Battaglia, che si occupa di campagne politiche e social, spiega che "i modi sono tre: pubblicità mirata, diffusione di notizie false, e uso di bot automatici per creare migliaia di messaggi da diffondere: con No Billag abbiamo visto soprattutto il terzo caso. Per proteggersi, non date troppi dati"
Cronaca
Questa volta si tratta di due filiali della Eni, quella di Lugano e quella di Coldrerio: viene chiesto di presentarsi direttamente sul posto con un cv comprensivo di foto. Non viene detto "vogliamo solo frontalieri" ma, con un italiano zoppicante, viene fatto intendere