Pazzesco! Guida per quasi cento chilometri in contromano attraversando quattro cantoni. Un pirata di 46 anni fermato la notte scorsa dalla polizia a Horgen
Un 46enne italiano residente a Rüschlikon, nel canton Zurigo, è stato fermato la notte scorsa a Horgen, mentre viaggiava in contromano sulla A3. L'uomo è stato arrestato e denunciato al Ministero pubblico
Cronaca
ZURIGO – Ha percorso quasi 100 chilometri di autostrada in contromano attraversando quattro cantoni: San Gallo, Glarona, Svitto e Zurigo. Un 46enne italiano residente a Rüschlikon, nel canton Zurigo, è stato fermato la notte scorsa a Horgen, mentre viaggiava in contromano sulla A3. L'uomo è stato arrestato e denunciato al Ministero pubblico.

È un miracolo che non si sia verificato nessun incidente, indica in una nota odierna la polizia cantonale zurighese. Il 46enne ha infatti rischiato più volte la collisione con altri automobilisti. Non solo era in contromano, ma guidava anche oltre I limiti di velocità secondo le valutazioni effettuate grazie alle telecamere presenti nelle gallerie.

Per fermarlo, la polizia ha bloccato l'autostrada all'altezza di Horgen attorno alle 2.30. Numerosi automobilisti hanno segnalato la presenza del veicolo in contromano, ma non è stato facile fermarlo.



Pubblicato il 15.04.2018 18:39

Guarda anche

Cronaca
Il Consigliere di Stato si è sempre battuto affinché il pirata della strada germanico finisse dietro le sbarre, e sottolinea "la perseveranza e il gioco di squadra tra i servizi del mio Dipartimento con il tramite delle Autorità Federali": la sentenza emessa a Lugano sarà esecutiva
Cronaca
"Basta controllarci, lasciateci respirare e ancor di più fatelo coi giovani!", è l'urlo di protesta di Gerri Beretta Piccoli. Dopo il caso della festa di compleanno di Arbedo, a seguito del nostro articolo c'è chi ci accusa di moralismo e chi ritiene che i giovani non sappiano divertirsi: e se fosse colpa di genitori e polizia?
Cronaca
Marco Battaglia, che si occupa di campagne politiche e social, spiega che "i modi sono tre: pubblicità mirata, diffusione di notizie false, e uso di bot automatici per creare migliaia di messaggi da diffondere: con No Billag abbiamo visto soprattutto il terzo caso. Per proteggersi, non date troppi dati"
Cronaca
Questa volta si tratta di due filiali della Eni, quella di Lugano e quella di Coldrerio: viene chiesto di presentarsi direttamente sul posto con un cv comprensivo di foto. Non viene detto "vogliamo solo frontalieri" ma, con un italiano zoppicante, viene fatto intendere