Ticino&Lavoro si prende una pausa, "troppa gente che vuole la pappa fatta, siamo snobbati dalla politica ticinese, c'è chi non si presenta nemmeno ai colloqui"
L'associazione nata per aiutare i disoccupati residenti, dopo aver esternato il suo malumore, ha deciso di fermarsi. "Sono sempre le solite persone che si mettono a disposizione. Tanti sono leoni da tastiera, si lamentano poi quando c'è qualcosa da fare di concreto spariscono"
Cronaca
BELLINZONA - Ticino&Lavoro si ferma, almeno per adesso. La delusione è troppo forte, e il gruppo, guidato da Giovanni Albertini, nella notte ha pubblicato una nota con le motivazioni su Facebook.

"Una pausa perché:

1) abbiamo disoccupati iscritti alla nostra associazione che non si presentano ai colloqui di lavoro.

2) persone che si iscrivono a un corso e non ci vanno.

3) persone che si lamentano che qui in Ticino tutto va male, ecc - leoni da tastiera, che quando c’è qualcosa da fare di concreto spariscono improvvisamente.

4) Abbiamo un lavoro a tempo pieno, investiamo il nostro tempo libero in questa associazione creando eventi - progetti, ma nemmeno i disoccupati che hanno tempo vengono attivamente a sostenerci - darci una mano.

5) Ci sono persone che non sono capaci di leggere interamente un annuncio, oppure estrapolare delle semplici informazioni per cercare in Google un contatto!

6) Molte persone vogliono la pappa pronta, si aspettano che noi gli cerchiamo il posto di lavoro-tutto dovuto- e manco sono capaci di spendere due minuti di tempo per cercare attivamente degli annunci condividendoli nel gruppo!

7) Siamo snobbati dalla politica Ticinese, soprattutto dal Cantone!

Questo è quello che abbiamo riscontrato, inoltre sono quasi sempre le solite persone che cercano e pubblicano gli annunci di lavoro o che si mettono a disposizione!".

In molti, sconsolati, li esortano a proseguire, per le persone che hanno sempre fatto di tutto per trovare un lavoro e si trovano porte sbattute in facce. 


Pubblicato il 16.04.2018 10:24

Guarda anche

Cronaca
Il Consigliere di Stato si è sempre battuto affinché il pirata della strada germanico finisse dietro le sbarre, e sottolinea "la perseveranza e il gioco di squadra tra i servizi del mio Dipartimento con il tramite delle Autorità Federali": la sentenza emessa a Lugano sarà esecutiva
Cronaca
"Basta controllarci, lasciateci respirare e ancor di più fatelo coi giovani!", è l'urlo di protesta di Gerri Beretta Piccoli. Dopo il caso della festa di compleanno di Arbedo, a seguito del nostro articolo c'è chi ci accusa di moralismo e chi ritiene che i giovani non sappiano divertirsi: e se fosse colpa di genitori e polizia?
Cronaca
Marco Battaglia, che si occupa di campagne politiche e social, spiega che "i modi sono tre: pubblicità mirata, diffusione di notizie false, e uso di bot automatici per creare migliaia di messaggi da diffondere: con No Billag abbiamo visto soprattutto il terzo caso. Per proteggersi, non date troppi dati"
Cronaca
Questa volta si tratta di due filiali della Eni, quella di Lugano e quella di Coldrerio: viene chiesto di presentarsi direttamente sul posto con un cv comprensivo di foto. Non viene detto "vogliamo solo frontalieri" ma, con un italiano zoppicante, viene fatto intendere