"Cerchiamo commesse, preferibilmente se straniere con permesso valido". Un altro annuncio che cerca (solo) frontaliere
Questa volta si tratta di due filiali della Eni, quella di Lugano e quella di Coldrerio: viene chiesto di presentarsi direttamente sul posto con un cv comprensivo di foto. Non viene detto "vogliamo solo frontalieri" ma, con un italiano zoppicante, viene fatto intendere
Cronaca
LUGANO – Ed ecco un altro annuncio dubbio. Le segnalazioni arrivano sempre più spesso, e purtroppo è difficile fermarle: se a volte qualcuno si finge frontaliere per ottenere un posto (e ticinonews.ch ha raccontato nei giorni scorsi l’incredibile vicenda di un ticinese che aveva inviato due candidature per lo stesso lavoro, in una si diceva frontaliere, che è stato contattato solo come “frontaliere”), qualcuno specifica di preferire “straniere con permessi validi”. Ovvero, non per forza frontalieri, a rigor di logica si potrebbe intendere non svizzeri che vivono qui, ma probabilmente è un “vogliamo frontalieri” nascosto.

L’annuncio è apparso su tutti.ch qualche giorno fa, e si riferisce alla posizione di commessa presso due stazioni Eni, una a Lugano e una a Coldrerio. Per entrambi i luoghi di lavoro la percentuale richiesta è fra l’80% e il 100%.

Requisiti? “Disponibilità immediata, disponibilità a lavorare a turni, weekend e festività. Persone serie, con voglia di lavorare e responsabili”. E, appunto, “possibilmente se straniera, con permesso valido” (l’italiano zoppica un bel po’, va ammesso…). Dunque, con ogni probabilità, qualsiasi ticinese si presenterà verrà scartata (a meno che non ci fossero candidate che adempiono a tutti i requisiti, anche se ci appare strano). 

L’annuncio chiede di presentarsi direttamente sul luogo, con un cv completo di foto, e di non rispondere all’email. Abbiamo cercato invano un recapito, almeno per sentire che cosa avessero da dire riguardo alla ricerca, ma purtroppo non lo abbiamo trovato.


Pubblicato il 24.04.2018 13:54

Guarda anche

Cronaca
Come d'abitudine, la Polizia ha reso note le posizioni dei controlli mobili della velocità per i giorni che vanno dal 28 maggio al 3 giugno
Cronaca
Le ricerche da parte della polizia per individuare il pilota del drone sono state subito avviate e questi è stato rintracciato presso la diga della Verzasca. Si tratta di uno svizzero 42enne domiciliato nel canton Lucerna verrà denunciato all'Ufficio federale dell'aviazione.
Cronaca
Da quando è stata introdotta la misura che è sempre stata contestata dall'Italia ("ma nessun cittadino si è mai opposto", afferma Gobbi), su 73'579 richieste ne sono state respinte 201, con una media di 6,8 permessi negati al mese. Se verrà firmato l'accordo fiscale, la richiesta cadrà
Cronaca
Il deputato dell'UDC pone l'attenzione su un problema che attanaglia tutti i ticinesi. "Viaggi da incubo, da Airolo a Chiasso c'è un cantiere che parta all'uscita del portale Sud e termina a Biasca, poi dopo Bellinzona le carreggiate si restringono, da Lugano in poi... Devono essere per forza tutti insieme e così lunghi?"