La Lega all'attacco sui ristorni. "Che PLR e PS siano contro, lo sapevamo. Ma vista la posizione del suo gruppo, da Beltraminelli ci si aspettavano coerenza e coraggio"
Il partito leghista è furibondo per il 3-2 con cui si è deciso di rinviare la decisione sul blocco dei ristorni a data da destinarsi, in attesa dell'incontro con Fontana. L'ago della bilancia era il pipidino e con lui se la prende, soprattutto dopo l'atto parlamentare di Fonio e Agustoni
Politica
BELLINZONA – Pareva una scelta collegiale, fatta per attendere di parlare del tema con Attilio Fontana, Presidente della Regione Lombardia. Invece la decisione di non decidere, in pratica, su un eventuale blocco dei ristorni, è stata presa col solito 3-2, a quanto si evince in un comunicato di una furibonda Lega dei Ticinesi.

“L’altra settimana il Consigliere di Stato leghista Claudio Zali, con l’appoggio del collega Gobbi, ha presentato una proposta che prevede di versare solo parzialmente i ristorni all’Italia allo scopo di realizzare opere di comune interesse (italo-svizzero). Il presidente del Governo Claudio Zali ha messo sul tavolo una proposta concreta, bloccare almeno 25 milioni che ogni anno vengono versati ai frontalieri. Del resto i ristorni dovrebbero servire proprio a finanziare questo genere di investimenti. Invece finiscono a tappare i buchi di gestione corrente dei comuni italici beneficiari”, inizia la nota.

Poi si va all’attacco. “Che i ministri P(L)R e P$ osteggiassero la proposta era cosa nota, ma vista la posizione del gruppo PPD in parlamento dal CdS Beltraminelli ci si aspettava quantomeno un po’ di coerenza e quel pizzico di coraggio che a volte non fa male!”. Il riferimento è all’atto parlamentare di Fonio e Agustoni che, presentato tre anni fa, è stato discusso settimana scorsa ed ha avuto il messaggio favorevole di Dadò, ancora un pipidino, e quello contrario del liberale Quadranti (che poi in realtà non è contrario al contenuto ma al modo).

“Per l’ennesima volta la partitocrazia storica ha boicottato invece la proposta dei rappresentanti leghisti e dimostrato la sudditanza alla politica federale e alla vicina Penisola. Il triciclo P(L)R-PPD-P$ ha difatti “deciso” di non decidere, dimostrando ben poco coraggio e soprattutto evidenziando quanto siano disposti a combattere per gli interessi del Ticino e dei Ticinesi, ovvero ben poco, a differenza dei nostri Consiglieri di Stato Zali e Gobbi che sul tavolo hanno messo un’idea giusta e realizzabile”, si lamenta la Lega.


Pubblicato il 24.05.2018 09:00

Guarda anche

Politica
PS e PC: "L’avvio di un tale procedimento penale è inopportuno: si tratta di una intimidazione contro dei rappresentanti del popolo che hanno ascoltato i cittadini, hanno compiuto un’indagine a tutto vantaggio della trasparenza e, su questa base, hanno poi elaborato un atto parlamentare come da mandato democratico"
Politica
Le dimissioni di Frapolli giungono a poche ore dalla decisione di un’altra deputata leghista, Patrizia Ramsauer, di dichiararsi indipendente
Politica
Due giorni si sensibilizzazione alle Orsoline per ministri, deputati e funzionari sull'importanza di donare il sangue per salvare vite umane. Ma il deputato leghista contesta il congedo
Politica
Il presidente dell'UDC lancia un messaggio via social al collega: "Caro Fiorenzo, vai fino in fondo e sostieni l’iniziativa contro la libera circolazione”