Le storie di successo, quelle belle. Da Correggio all'Accademia di Mendrisio, quasi per caso, e ora a New York: parabola di una giovane emiliana col Ticino nel cuore
La 29enne Ottavia Messori ha partecipato a un open day presso la facoltà di architettura dell'USI e poi si è iscritta. "Si vive a tempo pieno l'ateneo, è un laboratorio permanente di creatività. Il periodo in Ticino è il patrimonio più grande che ho portato con me". Dal 205 lavora in un prestigioso studio newyorkese
Mendrisiotto
NEW YORK – In un periodo sempre più difficile per i giovani, ci sono storie che fanno bene e ridanno fiducia, facendo credere che il merito conti, che le occasioni arrivano e che studiare a Mendrisio all’Accademia di Architettura garantisca il lascia passare per una vita lavorativa di prestigio.

Questa è la vicenda di una giovane emiliana. Ottavia Messori ha 29 anni e si è laureata in architettura a Mendrisio. Dove è arrivata quasi per caso, da Correggio, la città che ora è conosciuta per essere quella di Ligabue. “Stavo finendo il liceo scientifico: ho saputo di un “open day” e sono andata. Mi piacque subito, mi colpì molto l'atelier, così decisi di fare il test d'ingresso in giugno ...ed eccomi qua”.

Gli anni a Mendrisio le sono rimasti nel cuore. “Si vive a tempo pieno nell'ateneo, è un “laboratorio” permanente di creatività; dei professori ricordo in particolare Valerio Olgiati, con cui mi sono diplomata discutendo un progetto di torri residenziali nella periferia di Lugano; e Go Hasegawa, che qualche tempo fa ho rivisto, per caso, a New York, per strada. Il periodo in Ticino è il patrimonio più grande che ho portato con me”.

Parole importanti per una carriera sin da subito importante. Infatti prestigioso è il percorso lavorativo di Ottavia, dato che “dopo la laurea all'U.S.I. sono venuta subito qua, a New York presentando il mio portfolio. Sono stata presa dallo studio “John Fotiadis Architect”, dove ho trascorso quattro mesi; quindi, nel febbraio 2015, sono entrata nello “Spivak Architects”, a Manhattan, dove tuttora lavoro”. Si è occupata di edilizia civile e commerciale, di interni e di esterni: “appartamenti, alberghi, spazi ricreativi, negozi, uffici, sia nuovi sia ristrutturazioni. Ora per esempio stiamo lavorando a un progetto davvero grande, un hotel da 600 camere”.

Con Mendrisio nel cuore.


Pubblicato il 25.05.2018 15:30

Guarda anche

Mendrisiotto
La radio chiassese, costituita da una quarantina di volontari, ha pensato a quattro tipologie di Membership, a partire da 20 franchi annui sino a quanti se ne desidera. Kavashar Ratman: "l'obiettivo è far ascoltare la musica che non passa nelle altre stazioni e promuovere la cultura di nicchia"
Mendrisiotto
Una ditta di Stabio, la B&C Swiss SA, attiva nella logistica e nei trasporti, ha stabilito un accordo col comune di Bizzarrone, che concederà una sessantina di posti auto ai frontalieri dipendenti dell'azienda, che poi andranno al lavoro con un bus navetta: un'iniziativa lodevole!
Mendrisiotto
I soldi sono stati stanziati dal Consiglio Federale (unitamente ad altri 10 milioni per Aarau) nell'ambito del programma "Sviluppo futuro dell'infrastruttura ferroviaria", da attuarsi entro il 2025. Si punta a marciapiedi più lunghi e scambi più veloci
Mendrisiotto
Il giudice Amos Pagnamenta ha descritto un uomo che ha ingannato tutti, tenendo nascosti anche probabilmente i suoi sentimenti verso la cognata: per far sì che lei non dicesse di essere stata colpita con una bottiglia e che il loro rapporto finisse, l'ha uccisa. È assassinio e non omicidio intenzionale