Salvini e la Svizzera, "le nostre priorità sono gli interessi dei frontalieri. Nei prossimi mesi ci saranno importanti novità"
Il Ministro dell'Interno è nell'occhio dei ciclone per la questione migranti, ma non dimentica i vicini, "un Paese rigoroso che fa rispettare le sue regole. Per questo avremo particolari attenzioni su Como, potenzieremo gli organici delle forze dell'ordine della provincia"
Estero
COMO – Matteo Salvini, Ministro dell’Interno italiano, sta facendo discutere per la sua volontà di chiudere porti e impedire l’attracco di altri migranti. Ma nella sua agenda politica c’è anche la Svizzera.

“C’è un vicino rigoroso e che fa rispettare le sue regole, quindi avremo particolare attenzione su Como”, ha detto, dalla città lariana. “Nei prossimi mesi pensiamo di potenziare gli organici delle forze dell’ordine della provincia , incominciando dalla Polizia di frontiera di Ponte Chiasso”.

Gli accordi fiscali sono ritenuti fondamentali e annuncia novità. “La nostra priorità sono gli interessi dei frontalieri e di tutti i comuni che ricevono i ristorni. Temi sui quali il Governo sta già lavorando, ma non fatemi entrare nei dettagli, altrimenti si offendono. Comunque a breve nel giro di pochi mesi ci saranno importanti novità”.



Pubblicato il 11.06.2018 18:15

Guarda anche

Estero
"Vivo sotto scorta da più di undici anni – dice lo scrittore –. Ho più paura a vivere che a morire così"
Estero
La bravata è costata ad un dottore del nostro Cantone 600 euro di multa. Per la Polizia, una volta visto il contenuto del sacco gettato a terra nei pressi della discarica, è stato un gioco da ragazzi risalire a lui e consegnarli la sanzione di 600 euro, in linea con la campagna anti-rifiuti del sindaco
Estero
In provincia di Bergamo, un maghrebino è stato azzannato dal cane della famiglia nella cui casa voleva rubare. Ma non è finita, perché ha deciso di andare in Polizia denunciando l'aggressione e i Carabinieri si sono visti costretti a portare avanti il caso. GUARDA IL VIDEO
Estero
Oscar Mazzoleni analizza il nuovo assetto governativo della Penisola. "È una coalizione inedita e eterogenea, l'autorevolezza di Conte come mediatore fra i due potenti vice-ministri è da dimostrare. Bruxelles, la BCE e i paesi europei sono preoccupati. I toni saranno sempre da campagna elettorale"