Sansonetti si rivolge a Pagani, "confido in lei. Se per la Procuratrice la mia vita vale zero, per me è tutto. Spero di poter iniziare a confidare nella giustizia" Video
L'ex titolare di Argo 1, sotto inchiesta da 15 mesi per vari reati, con un video lancia un appello al nuovo PG affinché "possa prendere in mano in prima persona l'indagine in corso su di me. Inizio a essere stanco di non ricevere più notizie da parte del Ministero Pubblico". GUARDA IL VIDEO
Cronaca
BELLINZONA  - “Procuratore Generale, confido in lei!”. In sintesi, è questo l’appello che Marco Sansonetti, ex titolare di Argo 1, rivolge attraverso un video al nuovo Procuratore Generale Andrea Pagani.

Un accorato testo che TicinoLibero è in grado di anticiparvi. “Confido in lei affinchè possa prendere in mano in prima persona l’indagine che da 15 mesi è in corso su di me”, inizia l'appello, da cui traspare la stanchezza.

Sansonetti ricorda le accuse a suo carico, dal sequestro di persona all’usura, dalla violenza all’omissione di soccorso, e giustifica perché secondo lui non è colpevole. “Ho passato 24 giorni chiuso in un cella di isolamento, sono stato descritto come un pericoloso criminale, processato dalla stampa internazionale, per reati che non mi appartengono”.

“Inizio a essere stanco di non ricevere più alcun aggiornamento dal Ministero Pubblico”, prosegue. “Se per la Procuratrice la mia vita è pari a zero per me la mia vita è tutto ed è proprio per questo motivo che chiedo l’intervento del nuovo PG”.

Non vuole parlare di politica (“preferisco non commentare il silenzio di Gobbi”) ma “Spero di poter iniziare a confidare nella giustizia, per il momento esprimo solo la mia delusione per quanto accaduto”, termina.




Pubblicato il 12.06.2018 09:13

Guarda anche

Cronaca
Il deputato leghista sui social: "L'aquila bicipite in quel contesto è certamente un gesto divisivo che ricorda il conflitto etnico nei Balcani"
Cronaca
"La maggioranza qualificata – si legge nel testo firmato da altri 50 deputati - non si è raggiunta per delle assenze, tipiche in un Parlamento di milizia, di alcuni deputati che avrebbero sostenuto il credito"
Cronaca
Infine, il consigliere nazionale si esprime anche in merito alla bandiera del Kosovo stampata sulla scarpa di Xherdan Shaqiri. "Se i giocatori possono scendere in campo senza altre bandiere sulle scarpe, sulle calze o sulle mutande è meglio. È doveroso nei confronti del Paese che li ha accolti e che gli permette di giocare"
Cronaca
Controlli mobili della velocità piazzati in tutti i Distretti del Cantone: il Luganese il più colpito