Assurdo! Un branco di almeno otto eritrei aggredisce due givoani a pugni e bottigliate. Lei perde i sensi, per lui un trauma cranico
I protagonisti, un 19enne e la sua ragazza 22enne, stavano passeggiando per Bellinzona quando sono stati apostrofati. Il ragazzo ha reagito a parole e da lì è iniziato il pestaggio, in cui si è messa in mezzo anche la ragazza. La Polizia ha identificato otto persone, tutte eritree
Bellinzonese
BELLINZONA – Una serata come un’altra, con un coppia in giro per Bellinzona, quando inizia l’incubo. Purtroppo non siamo riusciti a contattare telefonicamente le vittime, ma i fatti ci erano noti sin da ieri. La sfortunata protagonista comunque, nonostante lo spavento, ha ripreso subito il lavoro, nonostante abbia riportato una ferita al volto, colpita forse da una bottiglia.

Meno bene è andata al suo fidanzato, che ha subito un trauma cranico.

A causarglielo un gruppo di eritrei, qualcuno fra i testimoni che hanno parlato a tio hanno detto otto, altri addirittura quindici. La Polizia ha spiegato di aver identificato otto persone, in parte richiedenti asilo, in parte titolari di un permesso di soggiorno provvisorio.

I due giovani, lei 22 anni, lui 19, sono stati aggrediti dopo aver apostrofato verbalmente il giovane, che ha risposto. Da lì, il pestaggio, pugni e bottiglie. La 22enne si è messa in mezzo, ed è stata probabilmente colpita a sua volta con una bottiglia, perdendo i sensi.



Pubblicato il 12.06.2018 15:08

Guarda anche

Bellinzonese
TicinoLibero aveva ragione: i due giovani picchiati a Bellinzona da una quindicina probabilmente di eritrei ha sporto denuncia. In giornata c'era stato mistero sulla vicenda perché la Polizia aveva detto di non aver ricevuto alcuna denuncia. Alcuni aggressori potrebbero essere minorenni
Bellinzonese
Mistero attorno alla vicenda della coppia aggredita dal gruppo di eritrei: la Polizia è intervenuta per identificare alcuni asilanti presenti sul posto, però i due ragazzi non hanno sporto denuncia. La 21enne ci aveva detto che attendeva di essere chiamata "per verbalizzare tutto e andare avanti"
Bellinzonese
La giovane coinvolta nella rissa di Bellinzona rivive quanto successo. "Il mio fidanzato ha un trauma cranico, io anche e in più ho il naso rotto, con danni estetici. Un signore ha chiamato la Polizia, a quel punto sono arrivati tutti. Ho provato a difenderlo ma mi hanno colpito e ho perso il senso dell'orientamento"
Bellinzonese
44 docenti firmano una lettera che riflette sulla sventata strage alla Commercio. "Quando la violenza cerca di prendere il sopravvento sulla riflessione, è difficile pensare che non ci siano vittime. Crediamo che cultura e conoscenza rappresentino il migliore anticorpo contro la violenza e il disperato senso di abbandono"