Il deputato socialista bacchetta il presidente del Festival di Locarno, che si è lamentato della scarsità di strutture alberghiere. "In Ticino dal 2006 sono diminuiti da 544 a 402, dobbiamo lavorare per recuperare quelli storici in posizioni pregiate"

Articoli di Politica

Il "papà" di Prima i nostri ribatte al presidente del PS: "lui fa parte dei benaltristi, prima di parlare avrebbe dovuto fare. Non vogliamo sopprimere la libera circolazione bensì limitare quella dei lavoratori frontalieri che danneggia i nostri lavoratori"
Il socialista ha inoltrato una mozione dove chiede che il famoso limite minimo che si vorrebbe fissato a 20 franchi orari salisse a 21 o 22. "E i CCL di obbligatorietà generale sono un strumento più adatto dei CNL a combattereil deterioramento del mercato e il dumping"
Parole dure del presidente socialista in merito alla garanzia ricevuta da Prima i nostri. "Non sono state proposte soluzioni per il settore privato, dove ci sono i maggiori abusi. Le persone che lavorano hanno un cuore e un'anima, vanno rispettate"
Riflessione del co-coordinatore dei Verdi dopo la sentenza legata a Neuchâtel. "E le aziende che dicono di non potersi permettere di pagare più di 3'500 franchi mensili hanno tutti frontalieri. Un salario minimo è un monito per chi vuole fare impresa"
Abbiamo affrontato il tema dell'educazione sessuale già a partire dall'asilo con una maestra. "Sono troppo piccoli, e le famiglie possono fraintendere. A quell'età si può parlare del fratellino che dovrà nascere, con disegni e storie, ma nulla più"
Prima i nostri ha ricevuto ieri la garanzia federale. Tra il Consigliere Nazionale e Marchesi è botta e risposta. "Gli imprenditori sono per la maggior parte onesti e responsabili. Per cambiare qualcosa, lanciate la madre di tutte le iniziative"
Prima i nostri ha ottenuto la garanzia federale, ma per Fabio Regazzi "gli iniziativisti sono stati di fatto sconfessati". Reagisce il presidente dell'UDC, "festeggiamo ma sappiamo che non è il traguardo. e il successo in Parlamento non è scontato"
Il leghista non crede alle motivazioni per cui i giovani socialisti dicono no all'iniziativa sulla civica. "Un partito come il loro sta alla civica come il burro alla ferrovia. Oltretutto, la scuola è cosa loro: invasione di campo!"

Articoli di Politica

L'iniziativa dell'UDC ha ricevuto il via libera dal Consiglio Federale, seppur vengono i sottolineati gli scarsi margini di manovra. La gioia del Consigliere Nazionale: "hanno dovuto dare il via libera, secondo me loro malgrado. Smentite le Cassandre!"
Rimane convinto che i liberali avrebbero dovuto candidare anche Laura Sadis. "Con senso di inferiorità presentiamo un solo nome, obbligando gli altri a candidarsi perchè serve il ticket". Per Tuto Rossi, i motivi della non scelta dell'ex Ministra sono chiari
"Con i 70 franchi in più per compensare la riduzione del tasso minimo di conversione e l'aumento del tetto della somma delle rendite per i coniugi, saranno perdenti i giovani di oggi e di domani, gli attuali pensionati e le donne", è convinto il liberale
Il deputato del PPD ribatte al presidente dell'UDC: "ecco cosa ho fatto io in due anni in Gran Consiglio. Loro invece si fanno finaziare le campagne da mister 'no al salario minimo', salvo poi distanziarsi. I soldi, si sa, non fanno mai schifo"
I giovani socialisti esprimono la loro contrarietà all'iniziativa in votazione il 24 settembre. Da tre settimane è online una petizione sul tema. "Si privano gli allievi della possibilità di capire come i diritti politici siano frutto di processi storici"
Il presidente dell'UDC si è arrabbiato per un commento del pipidino in merito a Prima i nostri e allo sciopero legato alla NLM. "Ai lavoratori non interessa avere un sindacalista che usa la loro situazione per far propoganda politica"
Commenta le parole secondo cui lei, Moret e Maudet si sarebbero ritirati in caso di candidatura di Sadis. "Detto a posteriori... Nessuno li obbligava a presentare qualcuno, ma hanno fatto capire di voler difendere il seggio. A quel punto avremmo..."
Jacqueline De Quattro, vodese, ha lasciato posto a Isabelle Moret, ma ritiene che anch'essa e Pierre Maudet, se oltre a Cassis fosse stata presentata Sadis, si sarebbero ritirati. Gössi oscilla, le donne liberali e il presidente del PBD spingono Moret
La co-cordinatrice dei Verdi ribatte al direttore di AITI. "Fa intendere in un certo senso che l'economia ticinese è sussidiata, eresia per chi si sciacqua la bocca parlando di libero mercato. Perché non si potrebbero paragonare Ticino e Neuchâtel?"
Il Consigliere di Stato pipidino si è espresso sulla corsa alla successione di Didier Burkhalter. Come Caprara, ipotizza un ticket Cassis-Moret, "il partito vodese ha scelto la stessa strategia di quello ticinese. Sarà una lotta dura, secondo me un passo avanti c'è..."
Ne ha per tutti, "un salario che permetta di vivere senza aiuti sociali sarebbe un toccasano anche per i conti dello Stato. Che però con la Laps sovvenziona indirettamente aziende che versano salari indegni". E intanto Bang invita Modenini nella sua ditta
La deputata Verde ha letto il contributo del direttore di AITI al nostro portale e replica. "Non dobbiamo causare povertà e disoccupazione? Ma va, le persone in assistenza sono raddoppiate dal 2010, e chi paga? La nostra economia è malata"
Prosegue il botta e risposta sui salari minimi. "Bisogna lavorare sui costi della vita, non è che se raddoppia la cassa malati raddoppiano gli stipendi". I socialisti, "è necessario estirpare le sacche di illegalità: AITI, proponi soluzioni"
La deputata sta svolgendo il programma proposto dal PLR assieme alla consigliera comunale di Mezzovico-Vira Sara Russomanno. "Sono una novellina della politica". Polli, "il rapporto è caratterizzato da complicità e sostegno"
Giorgio Ghiringhelli torna sui fischi e sulla poetessa Hissa Hilal. "Ci accomuna correre dei rischi per difendere i nostri ideali, ma non si deve nascondere la mano dopo aver lanciato il sasso. Qui coprirsi il volto è vietato, se non le andava bene..."
Il vicepresidente dell'UDC commenta le dichiarazioni del direttore della Camera di Commercio che ritiene che "in alcuni casi la legge favorirà i frontalieri": "è una corsia preferenziale per loro! Grazie PLR, PS, Verdi e PPD!"