La mamma e la sorella della maestra contro l’assassino

Le due donne si sono costituite parte civile contro l’assassino della 35enne di Stabio. La procuratrice pubblica vuole una perizia psichiatrica sul 42enne

STABIO - Nel processo contro il cognato della maestra uccisa, la madre e la sorella, rispettivamente suocera e moglie dell'assassino, si presenteranno contro l'uomo, essendosi costituite parte civile.

Lo anticipa la RSI, che specifica come le due donne avessero creduto alla versione del 42enne in carcere.

Non sono state ancora del tutto chiarite le circostanze che hanno portato all'omicidio della 35enne, poi portata in un bosco vicino a Rodero, dove è stata ritrovata. L'accusato insiste di non aver premeditato il gesto, ma la procuratrice pubblica Pamela Pedretti, per sciogliere alcuni dubbi, sembra intenzionata a chiedere una perizia psichiatrica sull'uomo,