Cronaca
15.11.2017 - 20:230
Aggiornamento 21.06.2018 - 14:17

Le percosse, gli abusi psicologici, la violenza e poi la denigrazione. Il giovane apprendista selvicoltore racconta il suo incubo

Il ragazzo, all'epoca 16enne, al centro del caso che sta costando il licenziamento a due funzionari del DT, ha parlato di quanto gli è successo. "Denunciare è l'unico modo per togliersi quel peso che opprime il petto, troppo pesante da portare da solo. Di notte urlavo il suo nome"

8 mesi fa "Alla Sezione forestale c'era un dipendente noto per il suo comportamento, forse anche protetto...". I due funzionari licenziati si dichiarano innocenti
8 mesi fa "Abbiamo denunciato". Unia all'attacco, "è un nuovo e grave caso di malaedilizia. Davanti a questo degrado non si può tacere"
8 mesi fa Un nuovo scandalo nell'Amministrazione pubblica: licenziati due dipendenti del Dipartimento del Territorio, accusato di reati sessuali verso un apprendista
BELLINZONA – Ha vissuto un incubo lungo tutti i mesi del suo apprendistato ed anche oltre, fino a quando ha trovato il coraggio di denunciare. E lo consiglia a chiunque abbia subito un’esperienza simile, “il fardello era troppo pesante da portare da solo. Denunciare l'abuso è l'unico modo per liberarsi da quel peso che ti opprime il petto. È l'unica soluzione per andare avanti e tentare di ricominciare”.

Lui lo ha fatto grazie al sostegno dei genitori e della sua ragazza. Ha 20 anni, e i fatti risalgono ormai a quattro anni fa.

Ha parlato al portale tio.ch, il quale non vuole riferire i dettagli dei maltrattamenti subiti, ma specifica che gli hanno procurato delle ferite indelebili. “Molte volte mi svegliavo di notte. Picchiavo la testa contro il muro e urlavo il suo nome”, racconta.

Il 50enne maestro di tirocinio lo ha reso succube, con maltrattamenti psicologici ed anche percosse, sino ad arrivare all’abuso. E poi, l’incubo non è finito, perché l’uomo ha cercato, dice il giovane, di ostacolarlo anche dopo la sua decisione di lasciare il DT. Lo fece dicendo cose non vere su di lui, denigrandolo dal punto di vista professionale.

Adesso, dopo quattro anni, la sua denuncia ha fatto scattare l’incarto al Ministero Pubblico, e Zali ha deciso di licenziarli. La lettera è ferma alle risorse umane, presto arriverà sul tavolo del Consiglio di Stato.

Il giovane, intanto, invita: “denunciate, non è facile, ma fatelo”.
Tags
incubo
percosse
© 2018 , All rights reserved