Cronaca
19.01.2018 - 16:200
Aggiornamento : 21.06.2018 - 14:17

Cinema? No, realtà. Il Cantone versa per sbaglio mezzo milione a Lavertezzo e non a Locarno, Lavertezzo dice che li ridarà e poi...

C'è in corso una vertenza per una somma di 490mila franchi erroneamente accreditati al piccolo comune, che dopo aver acconsentito a restituirli ora si rifiuta, sostenendo che Locarno deve rivolgersi al Cantone, che avrebbe già stornato la somma. Ma a Bellinzona negano, e la lite prosegue

LOCARNO/LAVERTEZZO – Locarno contro Lavertezzo, forse Davide contro Golia, solo che il coltello dalla parte del manico, o meglio i soldi, ora li ha Lavertezzo. È una vivenda intricata e al limite della regia cinematografica quella resa nota dal Municipio locarnese.

In ballo ci sono 490mila franchi che sarebbero dovuti finire a Palazzo Marcacci e invece sono finiti a Lavertezzo che, riconosciuto l’errore, non ha però restituito il quasi mezzo milione di franchi.

Il tutto ha iniziato quando l’Ufficio cantonale delle imposte alla fonte ha accreditato nel 2009 al Comune di Lavertezzo, invece che a quello di Locarno.

L’Esecutivo di Lavertezzo, accortosi dell’errore commesso dall’Ufficio cantonale delle imposte alla fonte, inizialmente lo aveva subito segnalato al Cantone, provvedendo nel contempo ad accantonare l’importo in attesa delle istruzioni per il ristorno al Comune di Locarno. Da parte sua l’Ufficio cantonale delle imposte alla fonte, dopo aver verificato che quei soldi spettavano effettivamente al Comune di Locarno, chiedeva al Municipio di Lavertezzo di emanare una risoluzione municipale che lo autorizzasse a procedere allo storno in favore di Locarno. Tuttavia l’Esecutivo di Lavertezzo, nonostante gli intenti collaborativi manifestati in più occasioni all’inizio della vicenda, non ha emanato tale risoluzione e, anzi, si è in seguito rifiutato espressamente di farlo.

Da Locarno hanno più volte chiesto di versare la somma, anche dilazionandola in 10 anni, ma nulla.

L’Esecutivo di Lavertezzo ha successivamente infatti cambiato orientamento asserendo che, dopo verifiche interne, risulterebbe che il Cantone avrebbe già provveduto a recuperare questi soldi, stornandoli da Lavertezzo tramite conteggi ridotti di imposte alla fonte negli anni successivi al 2009 e che dunque Locarno deve rivolgersi al Cantone.

I competenti  organi del Cantone,  però con scritto del 12 gennaio 2018, smentiscono.
L’Esecutivo di Locarno, per recuperare quanto spetta al Comune, mediante il proprio legale si è da un lato rivolto alla Camera di diritto Tributario, per chiedere la nullità della decisione con cui il Cantone, nel 2009, ha attribuito a Lavertezzo i 490 mila franchi invece spettanti a Locarno. D’altro lato, il Municipio cittadino ha iniziato una procedura esecutiva nei confronti del Comune di Lavertezzo, il quale si è opposto al precetto esecutivo. È pertanto verosimile che la Città di Locarno  sarà costretta  ad  avviare, davanti al Pretore di Locarno  Campagna, anche una causa civile contro il Comune di Lavertezzo per recuperare l’importo indebitamente trattenuto.

E tutta questa vicenda, assurda e intricata, il Municipio locarnese ha approvato il messaggio che chiede al Legislativo comunale l’autorizzazione a stare in lite con il Comune di Lavertezzo, rispettivamente, cautelativamente, con la Repubblica e Cantone Ticino.
Potrebbe interessarti anche
Tags
cantone
lavertezzo
locarno
esecutivo
fonte
imposte
comune lavertezzo
imposte fonte
municipio
locarno lavertezzo
© 2019 , All rights reserved