Cronaca
01.02.2019 - 16:120

Polizia, un 2018 di successo. Per il futuro la parola chiave è specializzazione

A partire dal 2020 cambierà il percorso formativo di chi vuol diventare agente. I temi? Sfidare le moderne criminalità, i flussi migratori, la violenza domestica

RIVERA - Nelle giornate di ieri e oggi, presso il Centro cantonale della protezione civile di Rivera, si è tenuto l'annuale Rapporto di Corpo della Polizia cantonale. 

In apertura, il Direttore del Dipartimento delle istituzioni Norman Gobbi ha sottolineato che "la nostra azione è rilevante per il sistema Ticino"; da un lato per mantenere alto il livello di sicurezza del territorio mentre dall'altro per garantire l'attrattività economica e turistica del cantone. Complimentandosi con i presenti per la qualità del lavoro svolto, per la dimostrazione di attaccamento al Corpo e per i successi ottenuti dalla Polizia cantonale nel 2018, nell'ambito di un maggiore presidio del territorio con diminuzione del numero di reati commessi e dell'efficienza dimostrata a livello svizzero ed estero, ha evidenziato che "la sicurezza pubblica del Ticino è sensibilmente migliorata negli ultimi anni". Non bisogna comunque abbassare la guardia secondo il direttore del Dipartimento delle istituzioni, continuando a garantire al Corpo investimenti e risorse adeguate.

In ottica futura, il Consigliere di Stato ha tracciato la rotta verso una sempre maggiore specializzazione della Polizia cantonale da ottenere attraverso un'ancora migliore coordinazione con gli altri partner della sicurezza, in modo da anche garantire maggiore vicinanza alla popolazione, maggiori sforzi nel contrasto della cybercriminalità, maggiore coordinazione tra Polizia cantonale e Ministero pubblico nel contrasto della criminalità economica e di quella organizzata, in quest'ultimo settore in collaborazione con la Confederazione. 

Gobbi ha infine posto l'accento sul rafforzamento delle iniziative di prevenzione nonché sull'importanza di dotarsi di nuovi strumenti per migliorare l'operatività, che deve essere resa ancora più celere.

Il Comandante Matteo Cocchi ha in seguito ripercorso, a parole e immagini, quanto svolto durante lo scorso anno, e informato agenti, inquirenti e amministrativi sugli obiettivi che s'intendono raggiungere nel 2019. Secondo il Comandante i futuri cambiamenti organizzativi dei partner della sicurezza, in particolare quelli che interessando le polizie comunali, impongono alla Polizia cantonale di riorientare le proprie attività e di meglio allocare le risorse umane a disposizione. "Specializzazione in ogni settore della Polizia cantonale, sarà la parola d'ordine per i prossimi anni" ha dichiarato il Comandante. In particolare, ha evidenziato, "favorendo un ancor più accentuato presidio del territorio ed una ancor maggiore attenzione alle sfide della moderna criminalità. Questo attraverso nuove strategie che dovranno essere specialistiche, di nicchia e prioritarie nel contesto generale: a livello informatico, economico/finanziario, di sorveglianza dei flussi migratori, in ottica di lotta al terrorismo e alle infiltrazioni mafiose in collaborazione con la Confederazione". 

Il Comandante ha poi posto l'accento sulla formazione evidenziando le importanti novità future del settore. Gli aspiranti di polizia, con la Scuola di polizia 2020, seguiranno infatti un nuovo percorso formativo di due anni "secondo un rinnovato concetto nazionale e che, grazie alla nostra lungimiranza, abbiamo praticamente già sviluppato "in casa" e che, con qualche ritocco, potrà essere adeguato facilmente al nuovo modello" ha rilevato. 

Nel corso del primo anno saranno, come ora, gettate le basi per lo sviluppo di competenze operative di base, valutate con specifici esami il cui superamento permetterà l'accesso ad un secondo anno interamente dedicato ad attività sul terreno, supportate sul piano dell'apprendimento da mentori e referenti di pratica. Anche gli esami federali saranno proposti con una nuova formula, non più alla fine del primo anno di scuola, bensì al termine del secondo. Pure per gli assistenti di polizia, l'iter di formazione sarà adattato alle nuove direttive nazionali dell'istituto svizzero di polizia, permettendo loro di ottenere una certificazione federale. 

Evidenziando la forte diminuzione dei reati contro il patrimonio negli ultimi anni, Cocchi ha infine sottolineato che il Corpo potrà ora concentrarsi verso settori che richiedono maggiore attenzione. Ad esempio in ambito di violenza domestica e reati che vedono quali protagonisti i minorenni.

La parola è poi passata ai capi area, al Sostituto Comandante Lorenzo Hutter a capo dello Stato Maggiore, al tenente colonnello Flavio Varini a capo della Polizia giudiziaria e al tenente colonnello Decio Cavallini a capo della Gendarmeria, i quali hanno esposto ai presenti l'insieme delle attività del Corpo svolte nel 2018 proponendo, a supporto, delle retrospettive statistiche sui fatti di stretta competenza della Polizia cantonale. 

In questa circostanza, particolare accento è stato posto sugli adattamenti informatici e organizzativi. Il personale è inoltre stato informato sui numerosi progetti che miglioreranno l'operatività grazie all'utilizzo delle moderne tecnologie e sulle sfide alle quali sarà confrontato nell'immediato futuro. Da sottolineare che per i tenenti colonnelli Cavallini e Varini si è trattato dell'ultimo rapporto poiché quasi giunti al termine del loro percorso professionale. Ad entrambi, dopo i ringraziamenti personali del Comandante, è stato tributato un caloroso applauso e sono stati elogiati per l'ottimo lavoro e per i grandi sforzi profusi negli anni a garanzia della sicurezza del Canton Ticino e della sua popolazione nonché per lo sviluppo del Corpo.

Tags
polizia
polizia cantonale
comandante
corpo
sicurezza
stato
specializzazione
parola
capo
percorso
© 2019 , All rights reserved