Cronaca
06.04.2019 - 10:000

Max Perucchi: "Nel turismo è sbagliato fare paragoni di anno in anno"

Intervista all'albergatore asconese, vice-presidente di Hotelleriesuisse Ticino: "E per la Pasqua speriamo di arrivare al tutto esaurito"

ASCONA – La Pasqua si avvicina ed albergatori e ristoratori di tutto il Ticino si fregano le mani, condizioni meteorologiche permettendo ovviamente. La Pasqua alta permette agli albergatori del nostro Cantone di guardare al futuro con ottimismo. Perché ottimistici sono i dati sul fronte dei pernottamenti dei primi due mesi del 2019. Stando ai numeri forniti dall’Ufficio Federale di statistica (UST), infatti, il numero di pernottamenti registrato in Ticino a gennaio e febbraio è cresciuto del 3,6%, in controtendenza rispetto alla maggior parte degli altri cantoni della Svizzera.

Secondo l’albergatore asconese e vice-presidente di Hotelleriesuisse Ticino Max Perucchi, “i citati numeri sono dovuti semplicemente al bel tempo che abbiamo avuto duranti tutti i fine settimana. I weekend soleggiati hanno fatto sì che la gente arrivasse in Ticino”.

Ma Perucchi, titolare dell’Hotel Garni La Meridiana di Ascona, non vuole fare troppo affidamento alle statistiche. “In Ticino si ha l’abitudine di paragonare un anno rispetto a quello precedente. E questo è un problema. I veri paragoni vanno fatti confrontando 5/6 anni di fila per poter tracciare un bilancio preciso, accurato e utile”.

Poi spiega: “Si è scritto parecchio del paragone tra l’anno turistico in Ticino del 2017 e il 2018, senza sottolineare che nel 2017 ci sono stati eventi straordinari che non avremo più. Io sono sicuro che il turismo nel nostro Cantone possa reggere, ma quello che deve migliorare è l’offerta. E non intendo solo a livello attrattivo, ma anche dal punto di vista di ristorazione e alberghi”.

E come se la cava, allora, il settore alberghiero ticinese? “Se la cava bene, ma potrebbe cavarsela meglio. In questi anni ho notato che il margine degli albergatori si è sempre più assottigliato creando una negatività per quello che riguarda il miglioramento delle strutture. Siamo arrivati a un punto che gli albergatori non hanno più soldi da investire nelle migliorie. Ma senza migliorie e modifiche è difficile crescere. Fortunatamente, il Cantone ha stanziato dei crediti quadriennali per questi tipi di investimenti”.

Negli ultimi anni, anche il Ticino è stato travolto dal fenomeno Airbnb, la community online che permette di affittare camere o alloggi anche privatamente. La politica si sta attivando per regolamentare questa piattaforma online e nei prossimi mesi “dovrebbe essere votata ed entrare in vigore una Legge che permetterà agli enti turistici di incassare da tutti la tassa di soggiorno. ed avere sotto controllo gli arrivi senza sfasare le attuali statistiche di pernottamenti”.

Perucchi si dice fiducioso per l’imminente periodo pasquale. “Le aspettative – dice – sono ottime per molteplici motivi. Il primo su tutti riguarda il fatto che quest’anno cade tre settimane dopo rispetto allo scorso anno. A livello di pernottamenti siamo già attorno all’80/85%, ma speriamo di arrivare al tutto esaurito”.

La Pasqua in Ticino “è uno dei punti forti del settore turistico. È ovvio che siamo dipendenti dalla meteo e dagli eventi, ma il 2019 ha tutte le premesse per essere un anno positivo. La meteo spesso ci da una mano se oltre Gottardo le previsioni non sono ottimali come al sud della svizzera”.

Infine, l’albergatore di Ascona anticipa la prossima mossa per rendere il Locarnese una regione ancora più allettante. “A breve – spiega – spediremo una lettera congiunta con Gastro Ticino e l’associazione dei campeggi alle FFS chiedendo la possibilità di istituire un treno diretto da Malpensa a Locarno visto che ci hanno tolto il collegamento diretto Locarno con la Svizzera interna. Con questa assurda decisione abbiamo perso alcuni potenziali clienti ‘anziani’, ma se ci dovessero collegare con Malpensa potremmo acquisire una  nuova soluzione valida e interessante”.

Potrebbe interessarti anche
Tags
ticino
perucchi
pasqua
albergatori
pernottamenti
anni
paragoni
albergatore
turismo
svizzera
© 2019 , All rights reserved