ULTIME NOTIZIE Attualità
Cronaca
02.07.2021 - 11:400

Jonas sognava Basilea o la Svizzera francese. "Ci ha detto che 'andare' era qualcosa di più forte di lui"

"Settimana scorsa mi ha chiamata dicendomi quanto mi amasse e scusandosi di essere stato un figlio difficile. Mi chiamava semplicemente per dirmi che mi voleva bene", il commovente messaggio della madre del ragazzo scomparso dalla CPC

BIOGGIO - Sono ore e giorni di angoscia per la famiglia del 24enne Jonas Tami, scomparso dalla CPC di Mendrisio. Attraverso i commoventi post della mamma, si delineano i contorni di un periodo davvero difficile per il ragazzo.

Infatti, aveva già lasciato la struttura due volte nei giorni precedenti, tornando sempre. La seconda volta era arrivato sino ad Airolo. Dove sarà ora? Oggi emerge un dettaglio importante: la clinica avrebbe comunicato alla madre che Jonas sognava di andare a Basilea o in Svizzera francese. 

"La vita di mio figlio è stata segnata da alcuni eventi dolorosi che lo hanno profondamente scalfito. Il suo animo è sensibile e delicato. Settimana scorsa mi ha chiamata dicendomi quanto mi amasse e scusandosi di essere stato un figlio difficile. Mi chiamava semplicemente per dirmi che mi voleva bene. La stessa cosa faceva con la nonna alla quale ha chiesto se lo poteva raggiungere nella struttura perché la voleva abbracciare. Così, domenica siamo andati a trovarlo e ha potuto abbracciarla. Gli ho detto di non farci più spaventare con altre fughe e la sua risposta è stata che "andare" era diventato qualcosa più forte di lui, come una sorta di sfida. Sarà in viaggio? Chi lo sa", ha scritto l'altro giorno sui social la donna.

Ricordiamo i connotati di Jonas, per cui anche la Polizia ha diramato un avviso di scomparsa: carnagione bianca, corporatura snella, 180 cm, occhi castano scuro, capelli castani scuri lisci corti. Lievi cicatrici da varicella sulla fronte. Indossava t-shirt nera, jeans lunghi blu, scarpe da ginnastica Nike.

Potrebbe interessarti anche
© 2021 , All rights reserved