Economia
15.01.2019 - 09:000

Per un frontaliere, dai 300 ai 1'000 franchi in meno al mese

Uno studio evidenzia le differenze, nello stesso settore e in Ticino, per un residente e per un frontaliere. La fascia con più differenza è quella con un salario attorno ai 5'000 franchi

BELLINZONA – Sovente, quando si parla di frontalierato, il problema che si mette in evidenza è soprattutto quello legato agli stipendi. 

Ovvero, un lavoratore italiano può permettersi di accettare un compenso più basso, per la stessa mansione, di un residente, per i costi della vita nella Penisola. 

E i datori di lavoro a volte ci giocano. Lo evidenzia uno studio dal titolo “Panorama statistico del mercato del lavoro ticinese”, prendendo in esame i settori non regolamentati da un CCL.

Ma quanto è la differenza? Secondo lo studio in questione, si va dai 300 ai 1000 franchi al mese in meno rispetto al salario di un residente. Non poco! In pratica, la fascia più colpita è quella attorno ai 5'000 franchi: nei settori in cui il guadagno di un ticinese è all’incirca in questa soglia, quello di un italiano scende di 1'000 franchi.

In ogni caso, sovente parecchio in più di quanto per contro guadagnerebbe in Italia. Un circolo vizioso.

Potrebbe interessarti anche
Tags
studio
frontaliere
mese
© 2019 , All rights reserved