Media
12.06.2018 - 14:530
Aggiornamento 19.06.2018 - 15:43

Ecco il fondo per gli ex dipendenti del Giornale del Popolo. "Creato per volontà del Vescovo, che l'aveva annunciato subito"

È stata costituita l'associazione "Solidarietà giornalisti e operatori dei media", nel cui ambito verrà creato il fondo a cui tutti possono aderire, privati ed enti. Sindacati, associazioni di categoria e un rappresentante dei dipendenti hanno formato una Commissione

2 mesi fa Giornale del Popolo, il veleno in coda. "C'erano un'agenzia disposta a raccogliere pubblicità, ed anche imprenditori pronti a subentrare. Ma la Curia non ha preso in considerazione nulla di tutto ciò"
2 mesi fa La verità del Vescovo. "La direzione sapeva che la situazione era difficile. Ma si diceva che tanto si troverà una soluzione". Invece no. "E a chi dice che non volevamo bene al giornale..."
2 mesi fa 5 giugno, ore 10: game over sul Giornale del Popolo. "Dopo il crollo di Publicitas, era impossibile trovare le risorse necessarie, quasi 400mila franchi al mese"
LUGANO – Il fondo di solidarietà promesso dalla Curia per i dipendenti del Giornale del Popolo ora è realtà. Lo rendono noto in un comunicato congiunto OCST, syndicom e ATG.

“In una riunione convocata oggi presso la Curia vescovile di Lugano, presenti il Vescovo e i rappresentanti dei sindacati OCST e syndicom e dell’Associazione Ticinese dei Giornalisti , è stata costituita una associazione denominata “Solidarietà giornalisti e operatori dei media” per attenuare le conseguenze economiche derivanti dalla chiusura del Giornale del Popolo”, si legge.

Come funzionerà? “Nell’ambito di questa associazione, viene creato un Fondo di solidarietà per gli ex giornalisti e operatori del giornale del popolo, aperto a tutti, oltre agli enti che hanno già manifestato la propria disponibilità. Sindacati, associazione di categoria e un rappresentante dei dipendenti riuniti in una Commissione, sono stati nominati garanti della corretta distribuzione tra tutti i lavoratori toccati dal fallimento della somma che verrà raccolta”, viene spiegato nella nota, che precisa come “il fondo nasce per volontà del Vescovo di Lugano, mons. Valerio Lazzeri, che espresse tale proposito il giorno stesso dell’annuncio della chiusura della testata”.

I prossimi passi avverranno in tempi brevi. “Già nei prossimi giorni la Commissione di sindacati, associazioni e rappresentanti del personale si riunirà per ultimare i criteri di distribuzione del fondo. Mentre l’Associazione farà un appello a tutti i potenziali donatori, auspicando una larga e tempestiva adesione a questa iniziativa di solidarietà”.

Potrebbe interessarti anche
Tags
fondo
associazione
solidarietà
popolo
dipendenti
giornale
creato
vescovo
sindacati
giornalisti
© 2018 , All rights reserved