Sanità
17.04.2018 - 09:300
Aggiornamento 19.06.2018 - 15:43

La carica dei 1'000 per il Cardiocentro. "Siamo certi che il Governo, nel suo ruolo di mediatore, terrà in considerazione questo sentimento popolare"

Tanti politici e moltissimi cittadini aderiscono a "Grazie Cardiocentro". "Adesioni che manifestano l'affetto e la riconoscenza per l'ospedale del cuore e rafforza in noi la convinzione che in futuro si debba mantenere l'autonomia". Mercoledì e giovedì in agenda due riunioni

4 mesi fa "Perché cambiare qualcosa che funziona?". La battaglia di "Grazie Cardiocentro", "Davide contro Golia. Vogliamo evitare errori politici, sono deluso da arroganza e gergo fantozziano"
4 mesi fa Cardiocentro-EOC: è scontro frontale! Giorgio Pellanda: "La proposta di nuova governance dell'ospedale del cuore è una boiata pazzesca"
4 mesi fa "Perché cambiare qualcosa che funziona?". La battaglia di "Grazie Cardiocentro", "Davide contro Golia. Vogliamo evitare errori politici, sono deluso da arroganza e gergo fantozziano"
LUGANO – L’agenda si fa fitta, si inizia a fare sul serio: mercoledì il Governo, che ha assunto il ruolo di mediatore fra Cardiocentro e EOC, incontrerà i rappresentanti dello stesso, giovedì il comitato “Grazie Cardiocentro” farà il punto della situazione.

Un comitato che comprende politici di tutti gli schieramenti (manca, va detto, il PS), attivi a livello comunale, cantonale e federale, e che sta crescendo di giorno in giorno, con 1'000 adesioni in circa due settimane. “Si tratta di un primo eccellente risultato di cui siamo grati a tutti i nostri aderenti. Il numero delle adesioni - trasversali e provenienti da ogni angolo del Cantone - è ancora più emozionante considerato che l’iniziativa è stata promossa quasi esclusivamente sui social network, attraverso in particolare  la nostra pagina Facebook che si avvia verso i 3’500 sostenitori”, si legge in una nota del comitato stesso.

“Queste adesioni testimoniano da una parte l’affetto e la riconoscenza che moltissimi cittadini provano verso l’ospedale del cuore e tutti i suoi collaboratori, dall’altro rafforza in noi la convinzione che sia quanto mai necessario trovare una soluzione che possa garantire anche in futuro piena autonomia e indipendenza, sia medica sia gestionale, all’istituto”, prosegue.

Confida nel Governo, “siamo convinti, pur nel pieno rispetto delle sue prerogative istituzionali saprà tenere nella giusta considerazione questo sentimento popolare”.

Chiunque può entrare a far parte di “Grazie Cardiocentro”, per iscriversi è sufficiente mandare un’e-mail, indicando nome, cognome e indirizzo, a graziecardiocentro@gmail.com
4 mesi fa Altri cuori per il Cardiocentro, dal Vescovo Grampa a diversi esponenti dei partiti di destra e liberali, oltre a giornalisti
4 mesi fa Un boom d'affetto per il Cardiocentro. "Temiamo un approccio troppo statalista". Il comitato preoccupato per l'autonomia, anche negli investimenti
Potrebbe interessarti anche
Tags
cardiocentro
adesioni
governo
sentimento popolare
comitato
sentimento
grazie
ruolo
grazie cardiocentro
considerazione
© 2018 , All rights reserved