Estero
27.04.2018 - 20:120
Aggiornamento 19.06.2018 - 15:43

Il dramma della Val Vigezzo: dopo la frana, rischia di andare a rotoli la stagione turistica. "Diteci qualcosa, noi siamo pronti!"

Dopo il tragico incidente di Pasqua, gli operatori turistici lamentano che nessuno li tiene informati sull'andamento dei lavori per quanto concerne la strada. La Vigezzina è sicura, dicono, ma ci sono state migliaia di cancellazioni, e a maggio di solito molti ticinesi frequentano la zona

8 mesi fa Non ci sono altri morti sotto la frana: il sangue sarebbe stato di Marco e Elena, dopo il tremendo impatto. Aperto un fascicolo per omicidio colposo
8 mesi fa Quel terribile dubbio: e se sotto la frana ci fossero altri corpi?
8 mesi fa "C'è stato un buco di tre anni". ANAS ammette i ritardi, ma a quanto pare i lavori sulla statale 337 non partiranno comunque prima del 2020...
MEIS – A Pasqua, una tragica frana è costata la vita a una coppia ticinese. E ora, potrebbe determinare in modo negativo l’intera stagione della Val Vigezzo, che in questo periodo di solito è molto frequentata dai ticinesi stessi, i quali sono circa il 40% della clientela.

Con i ponti alle porte, insomma, la preoccupazione negli operatori turistici ed anche nei ristoratori e albergatori cresce. A sconcertarli e amareggiarli è il fatto che, dopo i primi giorni di enorme clamore, sulla vicenda sia calato il silenzio e che nessuno li informa su come proseguono i lavori sulla statale.

“Abbiamo diritto di sapere come stanno le cose, quando e come si pensa di riaprire la strada, perché dobbiamo organizzarci in vista del mese di maggio”, tuona qualcuno. Fra pochi giorni, ci sarà la festa per il miracolo della Madonna del Sangue al Santuario di Re, un evento importante: i nostri connazionali potranno esserci?

Anche ciclisti e motociclisti, che passano dal Sempione, non arrivano da ormai un mese. Si parla di migliaia di prenotazioni annullate per quanto concerne la ferrovia che collega alle Centovalli, ma la Vigezzina, assicurano, è sicura e pronta a ospitare tutti.

Non aiuta la Navigazione Lago Maggiore, che ha sospeso il Tour Lago Maggiore Espress.
 E gli operatori turistici protestano.
8 mesi fa "I soldi ci sono, ANAS ha una responsabilità morale. Adesso sbrigati, non si può aspettare il 2020!"
Potrebbe interessarti anche
Tags
frana
val
operatori
stagione
operatori turistici
vigezzo
val vigezzo
© 2018 , All rights reserved