Mixer
19.05.2018 - 18:050
Aggiornamento 19.06.2018 - 15:43

Il matrimonio da favola di Harry e Megan. Un sogno collettivo ma alla fine le loro emozioni saranno state quelle di qualunque coppia

Ha commosso il mondo la madre di lei, istruttrice di yoga, che sola al suo posto ha pianto tutto il tempo, silenziosa, dignitosa, emozionata. Chissà cosa ha pensato, vedendo la figlia sposarsi. Si sarà chiesta se la sua vita sarà felice o difficile?

di Paola Bernasconi


WINDSOR – Le favole a volte avvengono solo nei libri, altre volte si verificano davanti ai nostri occhi. E nonostante tutto è bello crederci: perché, allora, le storie delle star, dei nobili, dei ricchi, ci appassionano? Ci rivediamo in loro, gioiamo con loro, capita pure che se si lasciano, ci diciamo che non siamo solo noi NIP a patire per amore. Abbiamo voglia e bisogno di identificarci in un sogno, in un principe che va contro tutti i cliché per la donna che ama, o anche solo un uomo comune che lo fa, che per lei scala montagne.

 

Aggiungiamo il fascino della casa reale, della vita in un castello, che poi in realtà forse così dorata non è, perché Carlo e Diana non sono stati felici, per esempio, e perché le regole sono ferree, non si può avere un capello fuori posto, un vestito acquistato perché buffo, una battuta detta senza pensare. In fondo, anche scegliere di diventare un’altra persona, dire addio all’attrice che eri, a quella abituata a mostrarsi espansiva con la folla e a comunicare su Twitter, è un gesto d’amore. Meghan Markle per Harry l’ha fatto, non diventerà comunque probabilmente mai regina, e quanto meno oggi vogliamo credere che non abbia scelto solo perché lui è il Principe.

 

Vogliamo crederlo dopo aver visto le immagini, la folla che acclamava, ma soprattutto una coppia nel giorno delle sue nozze. Harry attendeva la sua donna all’altare, a fianco del futuro re William e i due parlottavano e commentavano come qualsiasi sposo e il suo testimone, l’aria emozionata, le gote rosse. Quando Harry ha visto Meghan arrivare verso di lui, avrà provato quel che sente ogni giovane uomo che attende la sua donna, che magari avrete provato anche voi, cari lettori. E lei? Tutte le ragazze sognano il viaggio sino alla Chiesa, il velo, lo sguardo emozionato, il batticuore prima di entrare. Certo, in pochissime lo fanno con la folla che urla e il mondo che guarda.

 

Meghan Markle era un’attrice, è americana, è divorziata, ha una famiglia in cui i membri si fanno ripicche, parlano male uno dell’altro, un padre che oggi per vari motivi non era presente. È entrata da sola in Chiesa, poi l’ha presa a braccetto il Principe Carlo, quello che sarebbe divenuto il suocero dopo pochi minuti. Lo ha fatto con aria sicura di sé, felice, sorridendo in ogni momento, parlando con Harry, godendosi tutto il suo matrimonio. Non una lacrima, non un’incertezza, ma tanta gioia. Sapeva che il suo vestito sarebbe stato studiato dal mondo, ha scelto un modello semplicissimo, dignitoso, regale, non da Hoollywood, quasi morigerato, di Givenchy, con un velo in cui erano rappresentati vari fiori, tanto cari alla tradizione inglese. Le è pesato? Chi lo sa, d’altronde ogni persona in fondo per amore qualche rinuncia la fa.

 

Ha commosso il mondo la madre di lei, istruttrice di yoga, che sola al suo posto ha pianto tutto il tempo, silenziosa, dignitosa, emozionata. Chissà cosa ha pensato, vedendo la figlia sposarsi. Si sarà chiesta se la sua vita sarà felice o difficile? Quando Carlo l’ha presa per mano, andando a firmare, forse ha capito che ormai fa parte anche lei della famiglia reale.

 

Famiglia che aveva tutti i suoi membri schierati, Carlo e Camilla, la coppia che in fondo, se le regole fossero state diverse, sarebbe stata tale da sempre, risparmiando tanto dolore a Diana, la regina col suo verdino e il consorte, William e Kate per una volta non protagonisti, i principini George e Charlotte adorabili ma mescolati ad altri paggetti. Tutti loro hanno visto soprattutto un figlio, un nipote, un fratello sposarsi, come capita a ciascuno. Che poi il tutto sia ingessato, che si debba seguire un protocollo, è vero. Però li erano una famiglia, e siamo certi che alla fine le loro emozioni saranno state quelle di qualsiasi famiglia.

 

O almeno, vogliamo crederlo. Oggi vogliamo la favole, vogliamo sognare con la gente che ha atteso per ore per veder passare Harry e Meghan in carrozza. Ciascuno sogna un amore folle, travolgente, capace al contempo di dare serenità e di mettere apposto i cocci. Come quelli di Harry, che per anni ha sofferto per la morte della madre e per aver dovuto seguire il feretro e ha fatto leggerezze, si è scatenato: poi, il fratello l’ha aiutato, e infine è arrivata, dall’altra parte del mondo, Meghan, a donna che pare giusta per lui. Quella che ha voluto sposare, andando contro ogni cliché.

 

Se non è una favola questa, non sappiamo quale possa esserlo. Certo, si può essere cattivi e parlare della ricchezza immensa di lui, che ora è anche di lei. Però, almeno per un giorno, su può soprassedere al materialismo? Parliamo di cappellino (alcuni, comunque, davvero osceni), di abiti, delle parole d’amore, della foga del predicatore americano, della fede che Harry vuol portare, primo membro della famiglia reale, della sorella di Lady Di che ha letto in Chiesa, della modernità di due giovani sposi che si è fusa con la tradizione. Parliamo di tutto ciò, dei loro sorrisi ogni volta che si guardavano. Parliamo d’amore.

Potrebbe interessarti anche
Tags
harry
famiglia
amore
meghan
mondo
coppia
carlo
donna
folla
matrimonio
© 2018 , All rights reserved